Notizie Radiocor

Morning note: Intesa Sanpaolo, la giornata dei mercati -6-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 09 lug - Cina - L'inflazione dei prezzi al consumo e' rallentata piu' delle attese in giugno (Consenso Bloomberg 1,2% a/a) portandosi a 1,1% a/a da 1,3% in maggio, il valore piu' alto raggiunto da ottobre 2020. I prezzi al consumo hanno inoltre registrato la quarta contrazione mensile consecutiva (-0,4% m/m): il calo del comparto alimentari (-2,2% m/m), seguito dall'abbigliamento e dagli elettrodomestici, ha compensato l'aumento nel comparto dei carburanti (2.0% m/m). La dinamica tendenziale dell'inflazione e' stata ugualmente spinta al ribasso dalla discesa dei prezzi nel comparto alimentare (-1,7 a/a, con i prezzi della carne di maiale calati del 36,5% a/a e del 13,6% m/m) e degli articoli vari (-0,9% a/a) che prosegue da inizio anno; continua inoltre la deflazione nel comparto dei servizi turistici (-1,1% a/a in giugno) e dei mezzi di trasporto (-0,8% a/a). Il comparto dei carburanti registra ancora l'aumento tendenziale piu' cospicuo (da 21,3% a/a in maggio a 23,6% a/a in giugno; +2,0% m/m). L'inflazione core e' rimasta stabile a 0,9% a/a con un calo dei prezzi dello 0,1% m/m. L'inflazione dei prezzi alla produzione, dopo aver raggiunto un massimo a 9% in maggio e' scesa a 8,8% a/a in giugno, in linea con le attese di consenso. Mentre la variazione tendenziale e' rimasta ancora elevata per effetto del confronto sfavorevole con il crollo dell'anno scorso, la variazione congiunturale e' stata di 0,3% m/m, la piu' contenuta degli ultimi 8 mesi, in linea con quanto segnalato dalle componenti dei prezzi del PMI manifatturiero di giugno e dalla stabilizzazione dei prezzi delle materie prime tra maggio e giugno. I dati continuano a segnalare che la trasmissione degli aumenti dai prezzi alla produzione a quelli al consumo rimane moderata in linea con la scarsa trasmissione passata, grazie all'assenza di pressioni da domanda, alla forte concorrenza delle imprese e all'aiuto dell'apprezzamento del cambio.

L'inflazione dei prezzi alla produzione potrebbe aver superato il picco grazie alle misure interne prese dal governo per favorire un aumento dell'offerta e all'effetto frenante della dinamica del credito atteso sugli investimenti. L'inflazione dei prezzi al consumo e' attesa rimanere contenuta e in aumento intorno al 3% solo a fine anno, trainata principalmente da un effetto base sfavorevole.

Red-

(RADIOCOR) 09-07-21 08:50:19 (0158) 5 NNNN

 
Titoli citati nella notizia
Nome Prezzo Ultimo Contratto Var % Ora Min oggi Max oggi Apertura
Intesa Sanpaolo 2,3315 -0,66 17.36.25 2,327 2,352 2,334


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.