Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Notizie Radiocor

Coronavirus: Renzi, facciamo un unico decreto insieme per far riaprire imprese

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 26 mar - "Facciamo un unico decreto, non facciamo un decreto al mese; limitiamo il numero dei decreti, perche' ne abbiamo fatti fin troppi. Facciamone uno insieme. Non bastano 50 miliardi per il prossimo decreto. Deve essere l'ultimo decreto, non il prossimo decreto di una saga; deve essere l'ultimo decreto in cui affermare con chiarezza tutto quello che serve per dire che le imprese vengono messe in condizioni di riaprire". Cosi' il leader di Iv, Matteo Renzi, nell'intervento dopo l'informativa del presidente del Consiglio sull'emergenza coronavirus, dando atto a Conte "di essere qui in Aula e di essersi aperto a una discussione vera e reale". Renzi ha aggiunto: "Parliamo della riapertura delle attivita', non della chiusura, perche' non possiamo continuare a immaginare che, di fronte alla crisi, non si dica la verita': noi dobbiamo convivere con il Covid, ce lo portiamo dietro per lo meno per due anni, finche' non avremo modo non soltanto di sperimentare il vaccino e di testarlo, ma anche di vederne gli effetti. E' chiaro che noi, se abbiamo due anni davanti, non possiamo stare chiusi in casa; non possiamo tenere due anni gli italiani fermi senza lavorare" e "in questi due anni c'e' una terra di mezzo in cui riaprire le aziende e' fondamentale, altrimenti trasformeremo il Paese in una sterminata massa di disoccupati". Renzi ha sottolineato che "noi ci siamo", chiedendo attenzione al mondo della scuola e la riapertura delle librerie.

nep

(RADIOCOR) 26-03-20 12:29:22 (0296) 5 NNNN

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.