Approfondimento

Tipologia

Azionari Globali (Mercati Emergenti e Sviluppati) - Euro Hedged

Obiettivo e politica di investimento

Con la gestione di questo comparto, Pharus mira in via principale a proteggere il capitale, ma anche ad ottenere una crescita dello stesso nel lungo termine. La gestione è attiva e non si propone di replicare un benchmark. Sono previsti alcuni vincoli alla politica di investimento: almeno il 20% del patrimonio è esposto ad un portafoglio globale diversificato di organismi d'investimento collettivo prevalentemente azionari value; fino al 20% del patrimonio è investito direttamente in azioni value senza limiti geografici.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Dal lancio del comparto, nel 2016, l’andamento grafico delle quotazioni si conferma saldamente positivo, pur con qualche flessione, anche profonda. Il massimo draw down, pari al 12%, si è verificato nell’ultimo trimestre del 2018. Dal lancio la performance complessiva è del 24%, a fronte di una volatilità dell’8%. Dal confronto con la categoria di riferimento, gli Azionari Globali (Mercati Emergenti e Sviluppati) - Euro Hedged, che risulta parziale a causa della limitata serie storica disponibile, emerge un ottimo posizionamento per quanto riguarda le statistiche di rischio, mentre vacilla sulle performance. Gli indici di Sharpe e Sortino confermano, in ogni caso, un eccellente rapporto tra rendimento e rischio.

Costi e struttura del comparto

Il comparto è composto da tredici classi. Le classi A, AH, AD e AHD sono disponibili a qualsiasi tipo di investitore. Le classi C, D e DH sono riservate a particolari categorie di investitori approvati dal consiglio di amministrazione del Fondo. Le classi I e IH sono riservate ad investitori istituzionali, mentre le classi Q, QH, QD e QHD sono quotate e pertanto accessibili anche ad investitori retail. Gli investimenti minimi iniziali sono di €1000 per le classi A, AH, AD e AHD e C; €1000000 per le classi D e DH; €100000 per le classi I e IH. Le classi A, AH, AD, AHD, D, DH, I, IH, Q, QH, QD e QHD sono gravate da una commissione di performance del 15% (7.5% per le classi D e DH) calcolata con il metodo High Water Mark. Per la classe in oggetto, le spese correnti ammontano all’1.86%.

Sintesi

Il fondo, il cui indicatore sintetico di rischio è pari a 4, è idoneo per investitori con un orizzonte temporale lungo, idealmente più di cinque anni, che comprendano la natura dei rischi dei mercati azionari. Il comparto prevede unicamente l’esposizione all’equity, senza vincoli geografici, ma è contemplato un focus sulle azioni quotate sui listini dei principali Paesi sviluppati. Lo strumento, esposto principalmente ad un paniere di altri organismi collettivi, presenta un’elevata diversificazione. Pertanto, può rappresentare l’investimento principale, ed anche esclusivo, per cavalcare il mercato azionario globale contenendo il rischio.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 30/12/2019


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.