Approfondimento

Tipologia

Azionari Globali (Mercati Emergenti e Sviluppati) - Large & Mid Cap Value

Obiettivo e politica di investimento

Il fondo, gestito da Pharus Management, ha l’obbiettivo di conseguire una crescita del capitale nel lungo termine mediante l’utilizzo di strumenti del risparmio gestito. Almeno il 20% viene infatti destinato a OICR azionari e viene limitato l’investimento diretto in singoli titoli azionari al 20% del patrimonio. La selezione degli OICR viene effettuata secondo criteri d’investimento value che vengono estesi anche all’investimento diretto in azioni, senza alcun limite esplicito su capitalizzazione o area geografica di appartenenza ma comunque prevalentemente quotati in mercati sviluppati. Inoltre, è previsto un tetto complessivodel 3% al livello di commissioni richieste dai fondi acquisiti. Non è previsto un benchmark di riferimento: il gestore non si impegna né a replicare né a sovraperformare un indice e ha l’unico obiettivo di crescita del capitale nel lungo periodo limitando le perdite e controllando il rischio.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Il comparto è stato istituito all’inizio del 2016. Le quotazioni del fondo hanno visto un progressivo aumento che ha caratterizzato l’andamento delle performance fino alla metà del 2018. Dopo il rintracciamento dell’ultimo trimestre nel 2019 il Nav ha ripreso la risalita con una performance del 20%, di poco inferiore a quella della categoria FIDA di appartenenza. Dopo aver raggiunto i massimi storici, nel primo mese del 2020, le tensioni sui mercati causate dalla diffusione del Covid19 hanno determinato una forte flessione che attualmente è quasi del tutto recuperata. Nonostante ciò il rendimento a 3 anni si attesta intorno al 10% superando la performance media di categoria, anche i parametri di rischiosità risultano migliori con volatilità e draw down rispettivamente del 10% e del 23%.

Costi e struttura del comparto

Il comparto si divide in tredici classi, destinate sia agli investitori retail, sia istituzionali e denominate in diverse valute. La classe A, destinata agli investitori retail, presenta una commissione di gestione dell’1.5%, ed è inoltre disponibile una classe hedged. La classe I, destinata agli investitori istituzionali, presenta commissioni di gestione pari allo 0.6%. Anche per questa classe è disponibile una versione hedged (IH) alle medesime condizioni di costo. La classe Q, negoziata sul mercato ATFund di Borsa Italiana, presenta commissioni di gestione dello 0.75% e possiede anche due altre varianti: la classe QH con copertura del rischio di cambio e la classe QHD, che oltre alla copertura dal rischio di cambio offre anche la possibilità all’investitore di godere della distribuzione dei proventi. Tutte le classi di azioni ad eccezione delle classi Q, QH e QHD presentano una commissione di entrata di massimo il 3%. È inoltre prevista una commissione di performance del 15%, applicata con il metodo dell’High Water Mark assoluto.

Sintesi

L’indice di rischio SRRI si attesta a un valore paria 4 su 7, a indicazione della moderata rischiosità dello strumento. Considerati gli obiettivi di lungo periodo del fondo, esso è più adatto a un investitore con un orizzonte temporale di almeno di 5 anni, la notevole esposizione verso strumenti del risparmio gestito permette un’ampia diversificazione del portafoglio che ha come conseguenza la riduzione dei parametri di rischiosità.Lo strumento si è dimostrato molto adeguato ad affrontare momenti di turbolenze del mercato mostrando una maggiore stabilità rispetto a prodotti simili.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 07/05/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.