Approfondimento

Tipologia

Diversificati Prudenti

Obiettivo e politica di investimento

Il fondo persegue un obbiettivo di rendimento assoluto sul capitale investito adottando uno stile di gestione flessibile. Avendo una gestione imperniata sulla flessibilità, il fondo può investire dal 20% al 100% in titoli obbligazionari emessi da società, da enti governativi e da organizzazioni sovrannazionali. È consentito l’investimento in titoli di debito privi di merito creditizio per un ammontare non superiore al 10% del patrimonio. Per quanto riguarda l’investimento congiunto in titoli privi di merito di credito e con rating inferiore ad investment grade il limite è del 30% del patrimonio. L’investimento in strumenti del risparmio gestito (OICR) è consentito fino ad un limite massimo pari al 40% degli attivi in portafoglio. Per contenere la rischiosità dello strumento è consentito investire in singole azioni quotate fino ad un massimo del 50% del patrimonio. L’utilizzo di titoli strutturati quali ABS e MBS è consentito fino ad un massimo del 10% del patrimonio. In condizioni eccezionali e temporanee il comparto potrebbe detenere il 100% del patrimonio in liquidità o in strumenti equivalenti. Ai fini di copertura e di investimento il comparto può anche utilizzare strumenti derivati.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Il comparto è stato lanciato nel 2015. Focalizzando l’attenzione da febbraio 2017 in poi, periodo in cui è stata immessa sul mercato la classe di quote Q, il fondo, dopo una modesta crescita iniziale, nell’anno 2018 ha invertito la tendenza segnando una flessione delle quotazioni che è perdurata fino alla fine dell’anno. Il 2019 è stato segnato da un tentativo di ripresa delle quotazioni verso i massimi precedenti che però si è bruscamente interrotto nel primo trimestre del 2020 a causa della diffusione del Covid19. Dopo un draw down di circa il 23%, attualmente il Nav del fondo sembra voler recuperare le quotazioni di inizio 2020. Dal confronto con l’indice FIDA FFI Diversificati Euro Prudenti emerge come il fondo fino ai primi mesi del 2020 è riuscito a sovraperformare la media dei rendimenti della categoria di riferimento, da marzo in poi i rendimenti si collocano sotto quelli dell’indice ma con una tendenza di progressivo avvicinamento.

Costi e struttura del comparto

Il comparto è strutturato in 5 diverse classi suddivise in due categorie principali: liberamente acquistabili da tutti i tipi di investitori e riservate al personale interno. Le classi A, B e M sono aperte a tutti i tipi di investitori. Le classi A e B presentano un investimento minimo iniziale di 1.000 euro e commissioni di gestione rispettivamente dell’1,10% e dell’1,60%. La classe M presenta un importo minimo di 1.000.000, ammontare che tipicamente è adatto ad investitori istituzionali, e presenta commissioni di gestione ridotte allo 0,60%. La classe Z invece è riservata al personale interno della società di gestione, presenta un importo minimo di sottoscrizione pari a 10.000 euro e commissioni più basse del comparto pari allo 0,30%. La classe di quote Q, quotata, è liberamente negoziabile sul mercato ATFund di Borsa Italiana, questo permette di sottoscrivere un importo minimo di investimento pari ad una singola azione con commissioni di gestione dell’1,20% all’anno. Su tutte le classi pende una commissione di performance del 10% sull’incremento di valore del Nav del comparto rispetto all’anno precedente.

Sintesi

Il prodotto è consigliato ad un investitore che ricerca un prodotto diversificato sotto più punti di vista: geograficamente, per assets class, per strategia di investimento e per capitalizzazione di mercato dei titoli inseriti in portafoglio. Nonostante l’ampia diversificazione il fondo presenta un livello di rischiosità medio, l’indicatore sintetico di rischio SRRI è infatti pari a 4 su 7, il che potrebbe dare origine a modeste oscillazioni di valore nel breve periodo. Si raccomanda perciò di detenere lo strumento per un orizzonte temporale di almeno 5 anni.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 20/08/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.