Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sei in:  Home page  ›  Glossario  › Theoretical Intermarket Margin System - Glossario Finanziario

Glossario finanziario - Theoretical Intermarket Margin System

Definizione

Theoretical Intermarket Margin System è la metodologia di calcolo dei Margini Iniziali utilizzata da CC&G per i compartI Derivati ed Azionario.

Approfondimenti

La metodologia TIMS (Theoretical Intermarket Margins System), originariamente sviluppata dal “The Options Clearing Corporation” di Chicago, si applica nel calcolo dei Margini Iniziali per le posizioni in strumenti negoziati sui mercati azionari e derivati: essa si basa sui seguenti principi fondamentali:
a) Tutti gli strumenti finanziari che sono considerati da CC&G significativamente correlati tra loro in termini di andamento dei prezzi sono ricompresi in unico Portafoglio Integrato, valutato unitariamente e quindi assoggettato a Margini Iniziali calcolati anch’essi unitariamente. TIMS infatti è in grado di determinare a livello complessivo l’esposizione di rischio sia per Portafogli Integrati cash-derivati relativi al medesimo titolo azionario (c.d. «Gruppo di Classi»), sia per Portafogli Integrati relativi a titoli azionari diversi ma significativamente correlati (c.d. «Gruppo di Prodotti»).
b) La valutazione del rischio associato ad un Portafoglio Integrato viene effettuata ipotizzando che i prezzi dell’attività sottostante varino giornalmente per un ammontare percentuale massimo, definito Intervallo del Margine, in modo avverso alla posizione del Partecipante e che CC&G debba, in caso di insolvenza del Partecipante stesso, liquidare le posizioni alle più sfavorevoli condizioni di mercato ragionevolmente ipotizzabili.

Il sistema TIMS si basa sul concetto di portafoglio integrato, ossia un paniere di titoli significativamente correlati tra loro in termini di andamento dei prezzi, e per ogni portafoglio stabilisce un determinato Margine Iniziale unitario.
In questo modo TIMS è in grado di determinare a livello complessivo il rischio di un portafoglio integrato, ossia composto da più azioni oanche da derivati su tali azioni.
Per valorizzare il rischio TIMS, basandosi sul modello di pricing dei derivati di Cox, Ross e Rubinstein, valuta:

? un Gruppo di Prodotti, ossia un portafoglio integrato relativo ad azioni i cui prezzi risultano correlati in misura statisticamente significativa;

? un Gruppo di Classi, ossia un portafoglio composto da azioni e derivati sulle medesime azioni.
Il sistema calcola i Margini per l'intero portafoglio (Gruppo di Prodotti o Gruppo di Classi) sommando algebricamente i costi/ricavi teorici di liquidazione di ogni posizione nella medesima ipotesi di variazione del prezzo del sottostante; in questo modo è possibile la piena compensazione tra costi e ricavi teorici tra posizioni che risentono in maniera opposta alle variazioni di prezzo del sottostante (cross-margining).

Acronimo

TIMS

Nuova Ricerca

Theoretical Intermarket Margin System

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.