Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Glossario finanziario - Future su Merci

Definizione

Strumento derivato appartenente alla categoria dei future e avente come sottostante una merce (o commodity).

Approfondimenti

I futures su merci (o commodity futures) sono contratti derivati mediante i quali le parti si impegnano a scambiare a una scadenza determinata un certo quantitativo di merce, ben identificata, a un prezzo predefinito.
Il sottostante (underlying asset) di un commodity future può essere una qualsiasi merce il cui valore è oggettivamente osservabile. Tra i sottostanti più comuni vi sono l'oro, l'argento, il rame, i metalli, il petrolio, il grano, i cereali, il bestiame.
La dimensione di ogni contratto dipende dall'unità di misura della merce sottostante ed è sempre data dal prodotto tra il prezzo del future e la quantità minima unitaria associata a ogni contratto (che viene stabilita dal mercato in cui viene negoziato il future stesso). Ad esempio, nel caso del future sul grano la dimensione del contratto è espressa in stai.
In genere, come avviene per la maggior parte dei future, anche i commodity futures si chiudono prima della scadenza mediante una negoziazione del medesimo contratto di segno opposto alla precedente. Tuttavia, qualora un contratto dovesse giungere a scadenza, l'autorità del mercato di quotazione stabilisce le modalità per la consegna fisica con riferimento al tipo di merce consegnabile, al luogo e alle modalità di trasporto.
Sul mercato regolamentato italiano dei derivati (IDEM) non vengono scambiati i commodity futures, ma essi sono piuttosto comuni negli Stati Uniti, ad esempio presso il Chicago Mercantile Exchange.

Il prezzo teorico di un commodity future è dato da:



dove F(t) rappresenta il valore teorico del future il giorno t, S(t) il prezzo del bene sottostante il giorno t, U rappresenta il costo di immagazzinamento unitario della merce sottostante, r rappresenta il tasso di interesse e /T-t) la durata residua.
I costi di immagazzinamento rappresentano il costo di stoccaggio della merce sottostante il contratto. Essi possono essere espressi anche in proporzione (o percentuale) al prezzo della merce stessa, in tal caso la formula diventa:



dove u rappresenta il costo di immagazzinamento in rapporto al prezzo a pronti dell'underlying.

Argomenti correlati

Nuova Ricerca

Future su Merci

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.