Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Derivati

Nuovi orari di negoziazione FIB e MiniFIB

18 Lug 2017 - 17:15

Il mercato IDEM estende gli orari dei contratti Futures e MiniFutures sull’indice FTSE MIB fino alle ore 20:30



L’orario di negoziazione dei contratti futures sull’indice FTSE MIB (FIB) e dei mini-futures sul FTSE MIB (MiniFIB) sul mercato IDEM è esteso dal 3 luglio 2017 oltre la soglia attuale delle 17:50, fino alle ore 20:30.

La fase di negoziazione continua è articolata in due sessioni continue: una sessione diurna, che durerà, come oggi, fino alle ore 17.50 (17.49.59); e una sessione serale, dalle ore 17.50 alle ore 20.30. Pertanto le proposte immesse anche in mattinata potranno concludere contratto durante la sessione serale e tutti i contratti tra l’orario di inizio della fase di negoziazione continua alle 9:00 e le 20:30 formeranno un’unica posizione ai fini della rispettiva marginazione.

Con questo cambiamento delle modalità di negoziazione Borsa Italiana persegue molteplici obiettivi.

Il primo è l’offerta di un servizio più completo agli investitori che potranno operare sui future sul principale indice azionario di Borsa Italiana anche sulla base delle notizie pervenute dopo le 17:50. Va infatti considerato che esiste già il Segmento TAH (Trading After Hours), che consente di negoziare le principali azioni del mercato italiano tra le 18:00 e le 20:30, dopo la chiusura dell’MTA (Mercato Telematico Azionario) delle ore 17.30. Con la possibilità di contrattare anche FIB e MiniFIB in questa fascia oraria si consente agli investitori di fare hedging sulle posizioni aperte durante la seduta del mercato azionario.

L’estensione delle contrattazioni fino alle 20:30 permette a quanti operano sul mercato italiano di fare un trading di tipo direzionale, calibrando le proprie posizioni sull’andamento di altri mercati europei e dei relativi contratti future che negoziano oltre la chiusura dei rispettivi mercati azionari. Un’opportunità in più per gli operatori che possono seguire l’evoluzione del mercato statunitense e decidere di conseguenza la gestione delle proprie posizioni o la miglior strategia di trading del proprio portafoglio.

Il mercato degli Stati Uniti ha una rilevanza significativa nella decisione di Borsa Italiana di estendere gli orari di negoziazione su FIB e MiniFIB: la clientela statunitense, infatti, investe circa nel 30-35% delle azioni appartenenti al FTSE MIB. Pertanto, a fronte di un mercato USA che avvia le negoziazioni alle 15:30 (ora italiana), l’estensione degli orari di trading sino alle 20.30 agevola gli operatori di oltre Atlantico nel negoziare i futures sull’indice di riferimento del mercato italiano.

L’estensione degli orari annunciata da Borsa Italiana necessita di alcune precisazioni.

A fronte della continuità descritta tra sessione diurna e sezione serale muta la procedura di calcolo del prezzo di chiusura effettuato dalla Cassa di Compensazione e Garanzia (CC&G). Dal 3 luglio 2017  viene calcolato come la media, ponderata per le quantità, dei prezzi dell’ultimo 5% dei contratti scambiati antecedenti le ore 17:38.

 Borsa Italiana ha previsto la figura dell’Extended Market Maker, con obblighi di quotazione durante l’intera sessione serale. Il Market Maker della sessione serale ha obblighi più stringenti in termini di spread, rispetto al Market Maker della sessione diurna: 30 punti indice di spread massimo contro 45. Sono inoltre previsti parametri di controllo più stretti per conservare la regolarità degli scambi.

Nuovi orari di trading FIB e MiniFIB