Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

I Warrant

12 Nov 2007 - 18:15

Cosa sono e come funzionano?



Viene definito warrant lo strumento finanziario che conferisce al possessore il diritto (non l’obbligo) di acquistare (warrant call), sottoscrivere o vendere (warrant put) una determinata quantità di titoli (sottostante) a un prezzo predefinito (strike-price) e entro una scadenza stabilita, solitamente  superiore all’anno, secondo un determinato rapporto (rapporto di esercizio). Il warrant può essere regolarmente quotato in Borsa. Intro warrant

Nella maggior parte dei casi i warrant conferiscono ai titolari il diritto di sottoscrivere nuove azioni di una società quotata e pertanto hanno come finalità quella di consentire alla società di raccogliere nuovi fondi.

Pur avendo vita e natura giuridica autonoma (sono negoziati separatamente rispetto alle azioni), i warrant rappresentano spesso strumenti accessori di più ampie e consistenti operazioni di raccolta di fondi, come aumenti di capitale o emissioni di prestiti obbligazionari.

Sulla base del rapporto di esercizio, a ogni warrant è associato un multiplo, che rappresenta la quantità di sottostante controllata dallo strumento, cioè esprime quanti warrant occorre utilizzare per poter sottoscrivere un’azione.

Il valore teorico di un warrant è invece dato dal prodotto tra il numero delle azioni controllate e il valore base di ogni singola azione al quale va sottratto (in caso di warrant call) il prezzo di esercizio. In caso di warrant put, è il valore base di ogni singola azione a dover essere sottratto dal prezzo di esercizio.

Il prezzo in Borsa del warrant è strettamente correlato al valore dell’azione sottostante. Generalmente il prezzo del warrant rappresenta il “premio”che occorre pagare per sottoscrivere al prezzo prefissato l’azione sottostante. Pertanto, se il prezzo dell’azione sul mercato è inferiore rispetto al prezzo al quale è possibile sottoscrivere le azioni, il valore del warrant sarà molto basso, se non nullo. Difatti non ci sarà convenienza a sottoscrivere le azioni ad un prezzo superiore a quello al quale è possibile acquistare direttamente sul mercato.

warrant

Ogni warrant ha una scadenza, pertanto, scaduto il tempo prefissato per acquistare, sottoscrivere o vendere il titolo sottostante, il warrant non potrà più essere esercitato e verrà annullato.