Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Stand By Loan

28 Lug 2011 - 15:06

L'operazione a breve/medio termine con la quale un'azienda ottiene una linea di credito di importo e durata prestabiliti



Con Prestito Stand-by o “Stand-by loan” si indica un’operazione di finanziamento a breve/medio termine grazie alla quale un cliente (solitamente un’azienda) ottiene una linea di credito dall’importo e dalla durata predeterminata. Tale somma può essere utilizzata ripetutamente e anche per importi parziali salvo un preavviso generalmente di dieci o quindici giorni.

Come funzionastand-by

Con il Prestito stand-by un pool di banche organizzate da una banca capofila (banca leader) oppure da una società finanziaria specializzata (lead manager) mette a disposizione di un cliente una linea di credito di un certo importo per un periodo di tempo prestabilito. Ogni banca partecipa all’operazione con una propria quota.
La linea di credito stand-by garantisce al cliente l’utilizzo in forma fissa di una certa somma per un periodo convenzionale definito “fixture period” che corrisponde ad un arco di tempo compreso tra 1 e 3 mesi. Al termine di tale periodo avviene il rimborso del prestito o alternativamente il rinnovo entro il limite massimo di preavviso contrattualmente previsto.
Il cliente ha la possibilità di utilizzare ripetutamente la linea di credito per un importo prefissato con preavviso di 10/15 giorni alla banca capofila.

Una caratteristica del prestito stand-by è l’impegno da parte del cliente di non utilizzare il credito per un determinato periodo di tempo pari a 45 giorni consecutivi in ciascun anno solare o alternativamente l’assunzione dell’impegno a non usare il fido oltre un limite prestabilito del 70-80% del massimo concesso. Il rispetto di tale clausole viene interpretato dalla capofila come indice di capacità del cliente di far fronte ai propri impegni.

Gli interessi posticipati vengono conteggiati trimestralmente e sono calcolati in base a un tasso variabile in funzione di un parametro universalmente conosciuto in ambito finanziario (ad esempio l’euribor, rendimenti Bot). Al tasso così calcolato si aggiunge uno spread fisso stabilito sullo standing e il merito di credito dell’azienda.
Agli interessi vanno aggiunti altri costi come le “management fees” (commissioni di gestione), le “agency fees” (costi di agenzia) e le “commitment fees” (commissioni di mancato utilizzo).
Alcune varianti del prestito stand-by sono l’umbrella facility, linea di credito utilizzabile da tutte le imprese di un determinato gruppo e lo stand-by a utilizzo misto che permette di utilizzare la linea di credito in differenti modi (titoli a breve garantiti dal pool, prelievi o emissioni di cambiali).

Tra i vantaggi per il cliente va annoverata la possibilità di accesso ad uno strumento flessibile di raccolta a costi concorrenziali, mentre per le banche l’accesso ad uno strumento che permette una migliore e più prevedibile gestione del credito e del rischio.

stand-by