Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Nasce Penguin Random House

23 Gen 2013 - 09:44

Il Nuovo Gigante dell'Editoria in lingua inglese



E’ nata recentemente la Penguin Random House, ma ha tutti i numeri per diventare presto il nuovo colosso mondiale dell’editoria in lingua inglese. La società è sorta dopo la decisione della britannica Pearson, proprietaria tra gli altri del "Financial Times" e dell’"Economist" e del gruppo tedesco dei media Bertelsmann di unire le rispettive case editrici Penguin e Random House. In base ai termini dell’accordo, la nuova realtà editoriale sarà controllata al 53% da Bertelsmann e al 47% da Pearson. La conclusione della transazione è stata fissata per la seconda metà del 2013. Dalla nuova società rimarranno escluse le attività editoriali di Bertelsmann in Germania e Pearson continuerà ad utilizzare in tutto il mondo il marchio Penguin per i libri del settore scolastico. Una decisione presa, secondo indiscrezioni, per cercare di bloccare il magnate Rupert Murdoch, che sarebbe stato pronto ad offrire 1 miliardo di sterline in contanti per Penguin tramite la News Corp, che controlla a sua volta la casa editrice HarperCollins.

Quest’operazione è anche l’ultima che porterà la firma di Marjorie Scardino, chief executive del gruppo britannico, che abbandonerà l’incarico a fine anno.

Un compromesso storico che creerà un gruppo di portata mondiale, con la fusione delle reciproche attività dislocate in tutti e cinque i continenti. La nuova joint venture cercherà di sviluppare progetti comuni nel tentativo di superare la crisi e le molte sfide dell’era Internet, come lo sviluppo degli ebook ed i rapporti con Amazon ed Apple.

Ci saranno però anche alcuni risvolti negativi. Il primo e più immediato è rappresentato dai tagli al personale che inevitabilmente seguiranno la fusione, anche se non è stato ancora possibile quantificare i lavoratori in esubero.

Random House è per fatturato il principale editore in lingua anglosassone negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna; Penguin dal canto suo è quello più famoso al mondo, con una forte presenza sui mercati in rapida crescita come Brasile, India e Cina. Unirsi per sopravvivere e fronteggiare l’avvento del digitale, il nemico comune, è stato naturale. Non è la prima volta però che i due gruppi provano a lavorare insieme. Nel 2000 il canale televisivo RTL nacque dalla fusione della CLT-UFA, società lussemburghese di proprietà di Bertlesmann e della Pearson Tv. Attualmente il 90% di RTL è posseduto dal gruppo tedesco, il rimanente è sul mercato. L’alleanza con Pearson all’epoca non ha funzionato come avrebbe dovuto. Ma ora la posta in gioco è la sopravvivenza in un settore sempre più competitivo.

Bisognerà capire quindi che direzione prenderà la neonata Penguin Random House. Perché se il punto di partenza è rappresentato dai libri e da autori celebri del calibro di Dan Brown, John Grisham e Ken Follett, arruolati nella scuderia della casa editrice, gli sviluppi sono tutt’altro che prevedibili.