Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

L'Ombudsman bancario

19 Nov 2012 - 18:14

Che cos’è?



L’Ombudsman bancario è un organismo collegiale che ha il compito di porsi come mediatore nelle controversie tra banca e cliente.

L’Ombudsman bancario, che nasce nel 1993 attraverso una circolare dell’ABI (associazione bancaria italiana), è composto da un Presidente (nominato dal Governatore della Banca d’Italia) e da quattro componenti (nominati secondo precisi criteri di rappresentanza dal presidente dell’ABI).

La figura dell’Ombudsman è creato in Svezia nel 1809 con un ruolo di vigilanza per conto del cittadino sull’operato della Pubblica Amministrazione. Ombudsman-intro

Quando rivolgersi all’Ombudsman bancario?

E’ possibile rivolgersi all’Ombudsman bancario quando si ritiene di aver ricevuto dalla propria banca un servizio non adeguato e solo in assenza di opportune risposte dall’ufficio reclami.

La richiesta all’Ombudsman bancario va inviata con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno specificando l’oggetto della controversia e allegando la necessaria documentazione.

Le controversie che possono essere sottoposte all’attenzione dell’Ombudsman bancario devono:

  • non essere già state portate all’esame dell’Autorità giudiziaria, di un collegio arbitrale o di un organismo conciliativo

  • riguardare questioni quantificabili in un valore non superiore a 50 mila euro

  • non riferirsi a periodi precedenti a 1 anno

I costi dell’Ombudsman bancario

La procedura dell’Ombudsman bancario è totalmente gratuita. A carico del cliente solo le spese di corrispondenza.

Ombudsman

I tempi

L’Ombudsman bancario decide entro massimo 90 giorni dalla data di ricezione della richiesta di intervento e comunica alle parti mediante lettera raccomandata. Una volta ricevuta la comunicazione la banca è tenuta ad adempiere nei termini indicati.

Il cliente non soddisfatto della decisione dell’Ombudsman bancario può rivolgersi all’Autorità giudiziaria. La decisione dell’organismo infatti è vincolante per la banca non per il cliente.