Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Lockheed Martin compra Sikorsky

06 Nov 2015 - 09:31

USA, storica fusione nel settore aereo: Lockheed Martin compra Sikorsky

Il 20 luglio 2015 Lockheed Martin, gruppo USA attivo nei settori difesa e aerospaziale con 112mila di pendenti e ricavi superiori a 45 miliardi di dollari nel 2014, ha annunciato di aver raggiunto un accordo definitivo per l'acquisizione di Sikorsky Aircraft, leader mondiale nella produzione di elicotteri.
L'operazione ha un valore complessivo di 9 miliardi di dollari, che si riducono a 7,1 in virtù dei benefici fiscali derivanti dall'operazione. Lockheed Martin e United Technologies, controllante di Sikorsky, hanno infatti scelto di trattare l'operazione come acquisto di asset con finalità fiscali, generando in tal modo benefici per Lockheed Martin e per i suoi azionisti aventi valore attuale stimato in 1,9 miliardi di dollari.

Lockheed1

Marillyn Hewson, presidente e CEO di Lockheed Martin, ha affermato che Sikorsky è un partner naturale per il gruppo e permetterà a Lockheed Martin di allargare il core business al promettente settore elicotteri.
Sikorsky verrà integrata nella divisione Mission Systems and Training, con la quale già collabora alla realizzazione di alcuni programmi importanti quali l'elicottero presidenziale VH-92, l'elicottero Combat Rescue HH-60W e l'elicottero navale MH-60. L'acquisizione è condizionata al nulla osta delle autorità e dovrebbe essere definitivamente siglata entro la fine del 2015.

Parallelamente all'acquisizione di Sikorsky, Lockheed Martin ha annunciato una revisione strategica riguardante la divisione Information Systems & Global Solutions e parte della divisione Missiles and Fire Control.
Queste ultime impiegano oltre 17mila dipendenti per 6 miliardi di dollari di ricavi stimati nel 2015.
Alla luce dei recenti cambiamenti delle dinamiche di mercato, e nonostante il gruppo sia ben posizionato in queste aree, Lockheed Martin ritiene che le divisioni in oggetto potranno risultare più profittevoli se portate fuori dal gruppo.
La revisione strategica dovrebbe quindi concludersi con lo scorporo delle divisioni in oggetto a favore degli azionisti Lockheed Martin o, in alternativa, con la vendita degli asset.

Lockheed2