Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Leading Indicator USA del Conference Board

22 Set 2016 - 17:11

Nel dicembre del 1995 il Conference Board è diventato fornitore ufficiale del cosiddetto "Leading Indicator" (indicatore anticipatore), un indice che per 30 anni era stato elaborato e pubblicato dal Bureau of Economic Analysis dello U.S. Department of Commerce. Oggi il Composite Index of Leading Indicator fa parte del Global Business Cycle Indicators Project, al pari dei parenti stretti, il Coincident e il Lagging Index (indice coincidente e ritardato), e viene pubblicato con cadenza mensile, normalmente nella terza settimana.

Il Leading Index presenta una caratteristica che lo ha reso uno degli indicatori macroeconomici più seguiti da economisti, analisti e investitori: i punti di svolta ciclici dell'indice si verificano prima di quelli dell'attività economica USA (ovvero del PIL). Spesso i media utilizzano una semplice regola per individuare i segnali di recessione, ovvero tre discese consecutive del Leading Index.

leading1

Il Conference Board non condivide questa impostazione, preferendo invece puntare l'attenzione su discese del 2,5% dell'indice supportate dalla contemporanea flessione nella maggioranza dei dieci componenti dell'indice stesso. I componenti del Leading Index sono: ore lavorative medie settimanali dei dipendenti impegnati nella produzione del settore manifatturiero; media settimanale delle nuove richieste di assicurazioni di disoccupazione; nuovi ordini al settore manifatturiero di beni di consumo e di materiali; indice ISM dei nuovi ordini; nuovi ordini al settore manifatturiero di beni capitali (esclusi i settori difesa e aeromobili); nuove licenze edilizie residenziali; indice S&P 500; indice Leading Credit; spread tra T-Bond decennale e Fed funds; indice fiducia consumatori (media tra gli indici Reuters/University of Michigan e Conference Board).

Le variazioni mensili dei singoli componenti vengono corrette mediante un fattore di standardizzazione (al fine di rendere comparabili indicatori dalla volatilità molto diversa) e sommate. Il tasso di crescita complessivo così ottenuto è ulteriormente aggiustato per adeguare il suo trend a quello del Coincident Index. L'indice viene infine calcolato utilizzando la "formula di variazione percentuale simmetrica" e ribasato a 100 nell'anno di riferimento (attualmente è il 2004).

leading2