Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Indice JOLTS

30 Ott 2014 - 10:21

Job Openings and Labor Turnover Survey



L’indice JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) fornisce una indicazione sui volumi delle offerte di lavoro, sulle assunzioni e sul turnover, misurando l’eccesso di offerta di lavoro (posti vacanti) per un determinato settore e in un determinato periodo. L’ indagine offre una valida panoramica dell’andamento del mercato del lavoro degli Stati Uniti: la creazione di occupazione è uno dei più importanti indicatori in grado di anticipare le tendenze dell’attività economica complessiva.

Il dato viene pubblicato mensilmente dal Bureau of Labor Statistics (BLS), un’agenzia governativa che dipende dal Dipartimento del Lavoro e che raccoglie ed elabora dati statistici sul lavoro. Le indicazioni ricavabili da questo sondaggio aiutano nell'analisi dei cicli economici specifici di ogni settore, riflettendo ogni rapido cambiamento delle condizioni economiche nel mercato del lavoro USA. Inoltre offrono al governo americano un sostanziale aiuto per la formulazione di una corretta politica economica: il numero di offerte di lavoro aumenta durante le fasi di espansione del ciclo economico e diminuisce nelle fasi di recessione.

Le variabili e gli indicatori di flusso

Per la compilazione dell’indagine vengono presi in esame i dati relativi all’occupazione totale, alle assunzioni, ai licenziamenti, ai ricollocamenti, al pensionamento provenienti da tutte le società private non agricole, dagli enti federali e da quelli statali in 50 Stati oltre al distretto della Columbia. Complessivamente vengono prese in esame 16.000 aziende. I dati raccolti vengono classificati in base ai settori industriali e alle dimensioni delle aziende (per numero di occupati). Nella misurazione dell’indice vengono considerate non solo le assunzioni e le cessazioni in senso stretto, ma anche le trasformazioni dei rapporti di lavoro, le proroghe dei rapporti di lavoro e le cessazioni dei rapporti di lavoro direttamente antecedenti a trasformazioni o a proroghe.

Il saldo tra il totale degli avviamenti al lavoro (assunzioni + trasformazioni + proroghe) e il totale delle cessazioni dei rapporti di lavoro (cessazioni + cessazioni antecedenti trasformazioni e proroghe) fornisce una rappresentazione del processo di creazione/distruzione netta dei rapporti di lavoro in una determinata unità di tempo.

jolts1

 

Analisi delle serie storiche ed errori

L’utilizzo di modelli statistici nella elaborazione delle serie storiche permette di individuare e correggere gli effetti deterministici di calendario e quelli indotti da valori anomali, consentendo di interpolare eventuali informazioni mancanti.

Esempio

Nel report pubblicato lo scorso settembre il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha segnalato che le offerte di lavoro registrate nell’ultimo giorno lavorativo di luglio si sono attestate a 4,7 milioni. Il tasso di crescita delle assunzioni, pari al 3,5%, e quello relativo alle cessazioni, pari al 3,3%, sono rimasti invariati rispetto a giugno. Nell’ambito delle cessazioni, il tasso di crescita delle cessazioni volontarie è risultato invariato rispetto al mese precedente, fermo al +1,8% e quello relativo alla cassa integrazione è risultato stabile all’1,2%. Su base tendenziale, a luglio 2014, le assunzioni si sono attestate a 56 milioni e le cessazioni a 53,5 milioni, con un incremento netto occupazionale di 2,5 milioni.

jolts2