Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Joint Venture

23 Set 2011 - 11:52

L'accordo che lega solitamente le imprese a collaborare per un progetto comune, sfruttando congiuntamente sinergie, know how e capitale



Cos’è

Con joint venture ci si riferisce ad un accordo in base al quale due o più soggetti, solitamente imprese, si impegnano a collaborare per un progetto comune (sia esso di natura industriale o commerciale) o decidono di sfruttare congiuntamente le loro sinergie, il loro know-how o il loro capitale. Joint Venture

Perché la joint venture

Attraverso le joint venture, imprese di ogni settore possono affacciarsi su nuovi mercati e crescere su quelli già consolidati realizzando progetti e investimenti comuni, unendo competenze tecniche e capacità organizzative e, soprattutto, ripartendo i rischi.

Si distinguono due tipologie di joint venture:

  • Societarie:  in cui la joint venture assume forma societaria (joint venture corporation) e in cui i partecipanti (co-ventures) possono appartenere a paesi diversi. In questo caso i co-ventures si spartiscono oneri e utili della società e sono responsabili esclusivamente per la parte di capitale da loro versato. Un esempio tipico di questa joint venture è Sony Ericsson nata dall’accordo tra il gruppo dell’elettronica giapponese Sony e la telco svedese Ericsson nel 2001.
  • Contrattuali: in questo caso due aziende danno vita ad accordi per la realizzazione di un progetto comune con l’obiettivo di suddividersi i profitti. Casi tipici di joint venture contrattuali si possono trovare nel mercato automobilistico: l’Opel Corsa Diesel montava ad esempio il motore 1.3 Multijet di Fiat.

Esistono due tipologie di partecipazione per le co-ventures:

  • Quella orizzontale: in questo caso le aziende hanno la medesima struttura produttiva o producono beni simili costituiscono la joint venture solo in quanto la dimensione dei beni da produrre o la quantità dei beni da produrre eccede le loro capacità. Per esempio un consorzio per la costruzione di un’autostrada.
  • Quella verticale: le attività da coordinare non sono omogenee ma sono orientate tuttavia ad una finalità comune. Ad esempio le aziende si occupano di fasi diverse della produzione.

Esiste un contratto tipo?

L'International TradeCenter, organo congiunto dell'UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development) e il WTO (World Trade Organization), ha pubblicato modelli di contratto con l’obiettivo di rendere più semplice la creazione di joint venture transnazionali tra le Pmi.
Un team di esperti ha, con tale intento, elaborato modelli contrattuali per le joint venture (solo quelle contrattuali però) tra due o più parti.
L’organo della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo e dell’Organizzazione mondiale del commercio ha infatti stabilito di non trattare il caso della joint venture societaria particolarmente complesso.

joint venture