Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Gold Investor Index

16 Apr 2013 - 09:19

L’indice che misura mensilmente il rapporto tra acquirenti e venditori netti su BullionVault



Il Gold Investor Index è l’indice che misura mensilmente il rapporto tra acquirenti e venditori netti su BullionVault, il mercato online per il commercio di metalli preziosi. E’ stato presentato il 3 ottobre 2012 e si basa sull'effettiva attività di compravendita tra privati, specificando il sentiment degli investitori nei confronti dell'oro fisico, poiché studia il rapporto tra chi compra e chi vende invece di prendere in considerazione i volumi di scambio.

Bullion VaultMostra il dato come proporzione di tutti i clienti esistenti così da avere una serie che sia paragonabile nel tempo; ogni acquirente può aver deciso infatti se mantenere, ridurre o incrementare la propria posizione.
BullionVault è un sito internet attivo dal 2005 che ha il proprio quartier generale a Londra. Fondato da Paul Tustain, il 17 giugno 2010 il World Gold Council e l’Augmentum Capital ne rilevano una partecipazione pari all’11,4%, investendo un totale di 12,5 milioni £, ovvero 18,8 milioni di dollari statunitensi.

Dall’ultimo inventario stilato lo scorso gennaio, è emerso che BullionVault può vantare nei suoi depositi oltre 32 tonnellate di oro e 360 di argento. Per commerciare i metalli preziosi su BullionVault i clienti danno origine ad un legale comodato, ottenendo l’oro e l’argento a speciali condizioni di mercato. Una volta acquistato, il metallo viene conservato a Londra, New York o Zurigo, a seconda delle preferenze del cliente. Gli ordini effettuati attraverso BullionVault garantiscono un mercato aperto e competitivo. Per evitare ogni forma di riciclaggio di denaro, i nuovi clienti sono invitati a fornire prove della propria identità e a nominare un unico deposito bancario per il pagamento dentro e fuori del loro conto BullionVault.

A differenza della valuta d’oro digitale, BullionVault non consente il trasferimento diretto di unità tra gli account. Gli utenti tuttavia, possono vendere e comprare gli uni dagli altri attraverso un servizio di cambio. A marzo 2013 BullionVault ha lanciato un piano di investimenti che permette agli utenti di comprare regolarmente oro nella camera blindata di Zurigo senza avere per forza a che fare col mercato attivo del sito Internet. Chi intende usufruire di questa possibilità emette un pagamento regolare dalla banca per BullionVault e una volta che i fondi sono accreditati, vengono utilizzati per l'acquisto di oro ad un prezzo equivalente a quello impostato dalla correzione di Londra dove dal 1919, due volte al girono, ne viene stabilito il valore.

Ma se BullionVault è un mercato particolare e in un certo senso privilegiato su cui commerciare oro e argento, forse conviene ricordare come avviene la compravendita sul mercato globale. L’oro è sicuramente il più popolare investimento tra i metalli preziosi e attualmente, proprio in conseguenza della crisi economica globale, è diventato un vero e proprio “bene rifugio”. Anche il mercato ad esso relativo, come tutti gli altri, è soggetto a speculazione soprattutto attraverso l’uso dei contratti a termine e dei derivati. Nel tempo è stato trattato come denaro corrente assumendo, come per le monete, uno standard relativo alla valuta del Paese di riferimento.

Bullion Vault

Al termine della seconda guerra mondiale, gli accordi di Bretton Woods hanno ancorato il valore dell’oro al biglietto verde, ad un tasso di 35 $ per oncia troy. La maggior parte dell’oro estratto esiste ancora in forma accessibile, come lingotti e produzione di massa di gioielli di scarso valore ed è quindi potenzialmente in grado di tornare sul mercato per il prezzo corretto. Dalla fine del 2004 le banche centrali conservano il 19% di tutto l'oro estratto come riserve auree ufficiali e dal settembre 1999 a seguito del WAG, l’accordo di Washington sull’oro, le vendite sono limitate tra gli Stati che vi hanno aderito a meno di 500 tonnellate l'anno.