Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Il G20

23 Dic 2010 - 11:10

Nato nel 1999 dopo una successione di crisi finanziarie



Cos’e’ il G20?

Il G20 o anche denominato Gruppo dei Venti e’ un summit a cui partecipano le principali autorita’ politiche, finanziarie ed economiche dei 19 paesi piu’ industrializzati  (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Russia, Arabia Saudita, SudAfrica, Corea del Sud, Turchia, Gran Bretagna e Stati Uniti), piu’ i massimi esponenti dell’Unione Europea (il presidente del Consiglio Europeo, il presidente della Commissione Europea e il governatore della BCE). Al meeting partecipano inoltre i vertici del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale.

Il G20 e’ nato nel 1999 (primo meeting a Berlino) dopo una successione di crisi finanziarie (soprattutto in Asia) con la finalita’ di stabilizzare l’economia globale attraverso un modello di crescita piu’ sostenibile ed equilibrata, tenendo in forte considerazione lo sviluppo delle economie emergenti.

Dal 1999 al 2008 al meeting del G20 partecipavano solamente i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali dei paesi membri.
Dal summit del 2008 a Washington, in seguito alla crisi economica globale, al summit hanno partecipato anche i capi di Stato o di Governo.

 

Ultimo meeting del G20 e Decisionig20-intro

L’ultimo meeting del Gruppo dei Venti si e’ tenuto a Seoul in Corea del Sud. Nel comunicato finale del vertice sudcoreano i paesi del G20 hanno ribadito l’impegno a cooperare per raggiungere i tre obiettivi di una crescita forte, sostenibile, equilibrata.
I leader del G20 hanno inoltre assicurato di impegnarsi a monitorare gli eccessi di volatilità delle valute e hanno ribadito il no alle svalutazioni competitive, sostenendo l’importanza della flessibilità dei tassi di cambio per esprimere i fondamentali economici.
Il problema delle divise sottovalutate e’ stata invece estromessa dal comunicato finale per la forte opposizione della Cina.
Per quanto concerne gli squilibri commerciali invece il G20 ha riaffermato il no al protezionismo.
I leader del G20 hanno inoltre preso l’impegno di concentrarsi per la creazione di nuovi posti di lavoro.
E’ stata infine ribadita la necessita per le economie piu’ avanzate di risanare i propri bilanci pubblici messi a dura prova dalla crisi economica.

 

Prossimo summit

Il prossimo meeting e’ previsto a Cannes in Francia nel novembre 2011.

g20-scheda