Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Il Costo del Lavoro

13 Lug 2007 - 09:32

Gli stipendi e i salari percepiti dagli occupati



Per costo del lavoro si intende la componente dei costi di produzione sostenuti da un’impresa per gli stipendi ed i salari percepiti dagli occupati. Oltre alle retribuzioni devono essere compresi nel calcolo anche gli oneri sociali a carico dell’imprenditore. Appare immediatamente evidente la stretta relazione che sussiste tra il costo del lavoro ed i prezzi finali di vendita dei prodotti, e quindi con il tasso di inflazione, ragion per cui il costo del lavoro rappresenta una delle variabili più importanti da tenere in considerazione nelle scelte di politica fiscale e monetaria. Costo del Lavoro

Lo stato può infatti agire direttamente sul costo del lavoro intervenendo sui contratti collettivi di lavoro, oppure sulle aliquote a carico delle imprese e modificare gli oneri sostenuti dalle stesse, mentre la banca centrale deve seguirne attentamente le dinamiche in modo tale da anticipare eventuali effetti indesiderati sul livello dei prezzi.

Il costo del lavoro varia ovviamente in relazione al numero di dipendenti di un’azienda, ragion per cui al fine di rendere omogenei i dati si fa riferimento al costo del lavoro per unità di prodotto, che può essere calcolato dividendo il costo del lavoro complessivo per le unità di prodotto, oppure dividendo il costo del lavoro per il numero di addetti per le unità di prodotto per addetto, oppure infine dividendo il costo del lavoro orario per le unità di prodotto per ora lavorata. Il costo del lavoro per unità di prodotto può variare in seguito a modifiche di salari e stipendi e/o degli oneri sociali, oppure grazie a cambiamenti nella produttività del lavoro. Quest’ultima indica la quantità di prodotto che si ottiene mediante l’utilizzo di una unità di forza lavoro, ed è un indicatore dell’efficienza dell’utilizzo della forza lavoro. Si tratta di un fattore decisivo nella relazione tra costo del lavoro e inflazione, in quanto una migliore capacità di sfruttamento della componente lavoro può compensare, o anche capovolgere, gli effetti sui prezzi finali di un incremento del costo del lavoro. Gli incrementi della produttività derivano dagli investimenti delle imprese e dall’innovazione tecnologica che porta alla scoperta di nuovi metodi produttivi, o al miglioramento di quelli esistenti.

Il contenimento del costo del lavoro, anche attraverso la produttività, rappresenta uno dei metodi per contrastare il trade-off esistente tra inflazione e disoccupazione, noto come curva di Phillips. In base all’osservazione empirica è stato constatato che una politica economica espansiva produce un incremento della produzione e una diminuzione della disoccupazione, ma ha come effetto indesiderato un aumento dell’inflazione, e viceversa. Questo impone ai governi di perseguire uno dei due obiettivi (elevata occupazione o bassa inflazione) a discapito dell’altro: la capacità di mettere in atto iniziative capaci di contenere gli effetti del costo del lavoro sui prezzi finali potrebbe invece permettere di compensare, almeno in parte, questa divergenza, e creare le condizioni per un miglioramento di entrambe le grandezze economiche.

Costo del lavoro scheda

Negli Stati Uniti vengono pubblicati su base trimestrale i dati riguardanti il costo del lavoro e la produttività, e sono monitorati attentamente anche da chi opera sui mercati finanziari, in quanto si tratta di indicatori che possono rivelarsi possibili anticipatori di pressioni sui prezzi al consumo, e quindi di azioni restrittive da parte della Federal Reserve. In questa rilevazione il costo del lavoro viene rappresentato come costo per unità di prodotto, ma esiste anche un altro indicatore, l’Employment Cost Index, anche esso calcolato e rilasciato con cadenza trimestrale, che segnala la variazione degli stipendi, comprensivi di benfits e bonus, ma non delle stock option, dei dipendenti nel settore privato: non comprende quindi il settore pubblico, che rappresenta circa il 2-3 per cento della forza lavoro americana. Queste rilevazioni sono elaborate dal Deparment of Labor.