Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

I Certificates

22 Giu 2007 - 10:29

Gli Investment Certificates



I certificates sono strumenti finanziari derivati cartolarizzati negoziati sul mercato SeDeX che replicano, con o senza effetto leva, l’andamento dell’attività sottostante.Investment Certificates

Tali strumenti sono negoziati al pari dei Covered Warrant sul mercato SeDeXGlossario (Securitised Derivatives Exchange) e hanno la funzione di replicare con o senza effetto leva l’andamento dell’attività sottostante.

I prodotti privi dell’effetto leva (lo stesso presente sui Covered Warrant) vengono solitamente indicati come Investment Certificates (Certificati di Investimento) e sono divisi in due classi, A e B.

Nella classe A sono compresi i prodotti dal funzionamento più semplice, ovvero quelli che si limitano a replicare l’andamento del sottostante. Si tratta di strumenti definiti “Benchmark” e sostanzialmente simili agli ETF ma che a differenza di questi ultimi possono essere legati oltre che a indici azionari (rappresentativi delle maggiori borse del mondo, di paesi emergenti, di settori di investimento), obbligazionari, di commodities e di real estate anche, ad esempio, a materie prime (ad esempio petrolio, oro, argento) fino ad ora accessibili solo attraverso contratti Futures, strumenti questi ultimi che oltre ad avere un maggiore grado di rischio richiedono anche il versamento di margini consistenti.

I Certificati di investimento di classe B, invece, sono prodotti che prevedono una protezione del capitale investito (parziale o totale) o in alternativa la realizzazione di guadagni maggiori rispetto alla variazione del sottostante al verificarsi di particolari condizioni. Facciamo un esempio relativo a quest’ultimo caso: in un periodo di tempo prestabilito se il sottostante registra un guadagno del 10% il Certificato di Investimento legato ad esso offre una remunerazione pari al 15%.

I Certificates privi di effetto leva risultano quindi indicati per gli investitori interessati a diversificare il proprio portafoglio anche attraverso strategie complesse ma con caratteristiche conservative e orientate al medio-lungo periodo.

Da segnalare che al contrario dei Covered Warrant il valore dei Certificati di Investimento (fatta eccezione per quelli di classe B con particolari opzioni accessorie) non subisce variazioni in base al trascorrere del tempo. Esempio: acquistiamo un CW sull’indice S&P/MIB con Strike Price a 45.000 punti mentre l’indice vale 44.000. Con l’approssimarsi della scadenza se l’indice vale meno di 45.000 punti il valore del Covered Warrant tenderà allo zero, un rischio che con i Certificati di Investimento l’investitore non corre.


Investment Certificates

I Certificati di Investimento presenti sul mercato SeDeX seguono i normali orari di apertura della Borsa di Milano, quindi sono negoziabili dalle 09.05 alle 17.25 e dal punto di vista fiscale la tassazione è pari al 12,50% sulla plusvalenza maturata al pari dei titoli azionari. In prevalenza gli Investment Certificates consentono l’esclusiva operatività al rialzo (mentre con i Leverage Certificates è possibile puntare sia al rialzo che al ribasso) anche se su alcuni sottostanti è possibile acquistare la variante “Short” del Certificato per guadagnare dal ribasso del sottostante. Occorre inoltre tenere presente che i Certificates non pagano i dividendi eventualmente staccati dal sottostante (si pensi ad esempio a un Certificato legato all’andamento di un singolo titolo azionario). Essi sono tutti quotati in Euro, anche quando il sottostante è espresso in valuta diversa. In questo caso l’investitore dovrà porre particolare attenzione al rischio di cambio, poichè un eventuale deprezzamento della valuta di riferimento del sottostante potrebbe annullare gli eventuali guadagni conseguiti attraverso una performance positiva del medesimo sottostante. Una soluzione a questo problema è offerta dai Certificati di tipo “Quanto”, che mantengono inalterato nel tempo il rapporto tra l’Euro e la valuta di riferimento del sottostante neutralizzando in questo modo gli impatti delle variazioni del tasso di cambio sul valore del certificato.