Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Buffett sotto di oltre due miliardi

12 Mag 2016 - 17:51

Debito di 2 miliardi di dollari con IBM



Nel 2015 le azioni Berkshire Hathaway, holding del miliardario Warren Buffett, hanno perso il 12% contro un calo dell'indice S&P 500 di appena lo 0,7%. A pesare sono stati alcuni investimenti sbagliati ed in particolare quello su International Business Machines (IBM). Lo scorso anno le azioni del colosso dell'informatica, di cui Berkshire possiede l'8,4% del capitale, hanno lasciato sul terreno il 13%.


Nel 2011 il primo ingresso Nel 2011 Berkshire Hathaway comunica di aver acquistato una partecipazione pari al 5,4% di IBM per 10,7 miliardi di dollari. Negli anni successivi, sfruttando la caduta delle quotazioni, Buffett arriva a detenere oltre 80 milioni di azioni. A fine 2015 la differenza tra costo di acquisto (13,8 miliardi di dollari) e valore di mercato (11,1 miliardi di dollari) è negativa per 2,6 miliardi di dollari Le difficoltà di IBM

buffet 1


Il problema numero uno di IBM è la caduta del giro d’affari. Da quindici trimestri di fila infatti i ricavi registrano una flessione. Nel quarto trimestre 2015 (l’ultimo) le vendite sono diminuite del 9% a 22,06 miliardi di dollari.


Le nuove tecnologie non portano fortuna a Buffett Warren Buffett è diventato famoso (e ricco) grazie agli investimenti nei settori della "old economy". Prima dell'ingresso in IBM infatti l'uomo d'affari aveva sempre evitato le azioni della "new economy". A livello assoluto l'investimento in IBM rappresenta circa il 10% del portafoglio di Berkshire Hathaway.


Con le banche, le bevande e le carte di credito va meglio Il valore di mercato degli investimenti nel bilancio Berkshire Hathaway a fine 2015 ammonta a 112,338 miliardi di dollari (+53,7 miliardi rispetto al valore di costo). L'investimento più consistente è rappresentato da Wells Fargo, quarta banca per attività e terza per capitalizzazione borsistica degli Stati Uniti. Berkshire ne possiede il 9,8% del capitale per un valore di mercato di 27,1 miliardi di dollari e con una plusvalenza di quasi 15 miliardi. Segue Coca-Cola (9,3% del capitale) per un valore di mercato di 17,1 miliardi di dollari (+15,8 miliardi rispetto al valore di costo). Un altro investimento importante è su American Express. Buffett possiede il 15,6% del capitale del gigante delle carte di credito per un valore di mercato di oltre dieci miliardi di dollari.

buffet 2