Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Iniziative di mercato

LSEG presenta la prima guida al reporting ESG per le quotate

09 Feb 2017 - 09:00

Il London Stock Exchange Group e Borsa Italiana hanno presentato oggi la prima Guida pubblicata dal Gruppo che offre le raccomandazioni di best practice in termini di reporting volontario ambientale, sociale e di corporate governance indirizzata a tutte le società quotate sui propri mercati. La Guida risponde alla crescente necessità da parte degli investitori di integrare valutazioni di sostenibilità nel processo decisionale di investimento.

Gli scopi della nuova Guida sono:

  • Rendere le aziende più consapevoli dell'importanza di fornire informazioni di alta qualità sui temi ESG e coinvolgere gli investitori sul tema della sostenibilità
  • Aiutare emittenti e investitori a orientarsi nel complesso panorama del reporting ESG
  • Attivare flussi di dati più completi e il dialogo tra emittenti e investitori relativamente alle tematiche di sostenibilità
  • Consentire agli investitori di prendere decisioni di investimento più consapevoli

La Guida è stata inviata a più di 2.700 aziende quotate sui mercati del Gruppo, sia in Italia che a Londra, che rappresentano una capitalizzazione di mercato complessiva superiore a 5 miliardi di sterline.

Il London Stock Exchange Group, e con esso Borsa Italiana, è tra le principali infrastrutture di mercato a livello internazionale a cui sono connessi emittenti, sell side e investitori di tutto il mondo e ha un ruolo centrale nella promozione di best practice in tutto il settore. Nel corso dell'ultimo anno, il Gruppo ha dialogato con aziende di tutte le dimensioni quotate a Londra e Milano e si è rivolto agli asset owner e asset manager per comprendere quali sono le principali sfide da affrontare nel reporting di sostenibilità.

Il perimetro degli investimenti sostenibili è cambiato radicalmente negli ultimi anni: i fattori ESG sono oggi considerati come standard dalla maggior parte degli investitori istituzionali[1]. Secondo il Global Sustainable Investment Alliance, il network che riunisce le organizzazioni di investitori orientati alla sostenibilità finanziaria, oltre un terzo degli asset gestiti da investitori professionali a livello globale incorporano approcci ESG, ovvero oltre 20 miliardi di dollari di asset under management (AUM)[2].

La guida del London Stock Exhange Group si basa su standard globali come le raccomandazioni della Task Force on Climate-Related Financial Disclosures del Financial Stability Board’s (FSB) ‎e i Sustainable Development Goals (SDGs) delle Nazioni Unite. 

La crescita globale degli investimenti sostenibili:
Oltre 1.500 firmatari con più di 60 miliardi di dollari di asset under management gestiti hanno sottoscritto i principi guida del PRI - United Nations backed Principles for Responsible Investment (PRI). I firmatari si impegnano a rispettare una serie di standard, tra cui l'integrazione dei principi ESG nell'analisi degli investimenti e dei processi decisionali, inoltre devono fornire relazioni annuali dettagliate sui loro progressi nell'attuazione dei principi.

Il London Stock Exchange Group promuove attivamente la finanza sostenibile attraverso i propri prodotti e mercati‎. Una copia del report e maggiori informazioni sul nostro lavoro in questo settore possono essere consultati online all’interno del nostro Global Sustainable Investment Centre.


 


[1]Fonte https://www.unpri.org/about
[2]Fonte http://www.gsi-alliance.org/

Per scaricare la Guida in PDF: (pdffile pdf - 3 MB)

Guarda l'intervista a Raffaele Jerusalmi, A.D. di Borsa Italiana

 
--