Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lifestyle

Immobili italiani: è boom di clienti stranieri

The Van  06 Ott 2016 - 15:27

Gli investimenti immobiliari provenienti dall’estero sono in costante aumento e rappresentano un segmento in continua espansione. E a Milano attraggono le residenze di lusso



La crescita? È immobile. Ma non si ferma. No, non è un controsenso. L’Istat, infatti, ha reso noti i numeri relativi alle convenzioni notarili per trasferimenti immobiliari a titolo oneroso nel primo trimestre 2016: sono state 159.932, il 17,9% in più di quelle registrate nello stesso trimestre del 2015. Dopo aver chiuso il 2015 con un fatturato di 11 miliardi di euro, quindi, anche i dati dei primi mesi del 2016 sono incoraggianti.

Secondo una recente indagine condotta da Intesa Sanpaolo e Centro Studi Einaudi sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani, l’investimento immobiliare sembra essere tornato prepotentemente di moda. E non solo tra gli italiani: in questo periodo, infatti, si sta assistendo anche a una sempre maggiore presenza di capitali stranieri, decisi a investire negli immobili del Belpaese.

immobili1

Gran Bretagna e Toscana guidano le classifiche

Il mattone italiano, quindi, piace all'estero, con una crescita di richieste nel 2015 del 18%. Un numero fonito dal sito Gate-away.com – che indaga ogni anno le richieste di acquisto da parte di compratori stranieri – secondo cui l’anno scorso il Regno Unito è stato il paese con il maggior numero di richieste di acquisto d’immobili italiani (15,64% sul totale), seguito da Stati Uniti (14,20%), Germania (9,61%), Francia (8,02%), Belgio (5,84%), Svizzera (4,94%), Olanda (4,13%), mentre si registra nell’ultimo anno un aumento esponenziale della domanda da parte di cittadini dell’India (+76%), dell’Argentina (+48%) e dell’Australia (+46,5%).

Per quel che riguarda le regioni con maggiore attrattiva, sempre secondo il Rapporto Gate-Away, troviamo la Toscana al primo posto, con il 15,51%, seguita da Liguria con 12,02% di richieste e dalla Puglia, per poi proseguire con Lombardia, Sardegna e Sicilia. Nello stesso documento si evidenzia, inoltre, una crescita consistente delle richieste per le regioni montane, a conferma di un trend particolare legato agli sport invernali.

E se si guardano gli immobili di prestigio, gli occhi sono puntati in particolar modo su Milano. Il XIII° Osservatorio delle Residenze Esclusive, condotto da Tirelli&Partners, gruppo specializzato tra le altre cose nella commercializzazione di residenze di prestigio, e Nomisma, nota società di studi economici, afferma che Expo 2015 ha contribuito a far crescere la richiesta di immobili di lusso nel capoluogo lombardo, registrando nel 2015 un +29% per quanto riguarda il numero di transazioni e un +41% del loro valore rispetto all’anno precedente.

immobili2

I clienti? Non solo facoltosi

Se dunque sono gli acquirenti europei quelli più interessati a investire in Italia, non è sempre vero che gli stranieri che acquistano immobili nel nostro Paese sono persone facoltose. Ecco qualche dato utile per capire la situazione: sempre secondo il sito Gate-away.com, sebbene il valore medio degli immobili per cui sono giunte richieste si attesta su una cifra pari a 562mila euro, molte delle richieste sembrano arrivare da persone tra i 40 e i 65 anni appartenenti al ceto medio.

Tra l’altro, le percentuali riferite al valore degli immobili richiesti indicano un forte interesse anche per quelli con quotazioni non elevate: il 34% degli interessati ha ricercato immobili di valore minore a 100mila euro, il 32% di valore compreso tra 100mila e 250mila euro, il 19% di valore compreso tra 250mila e 500mila euro, l’8% è interessato a immobili il cui valore va dai 500mila e al milione di euro e solo il 7% ha richiesto immobili di valore sopra tale cifra.

Ma che cosa cercano, in particolare, questi investitori? Tra le tipologie più ricercate dagli stranieri si nota una netta preferenza (il 64,2%) di case già abitate o ristrutturate, il 14,1% accetta quelle da ristrutturare e il 10,5% quelle parzialmente ristrutturate. Tra queste tipologie di case, troviamo soprattutto richieste di masserie, cascine, residenze di campagna o ville al mare, comunque situate in zone naturalisticamente e paesaggisticamente pregiate. Fra gli immobili più ricercati troviamo quelli dotati di giardino (55%), di un terreno confinante con la proprietà (35%) e piscina (16%).

immobili3