Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lifestyle

Una crescita illuminante

The Van  04 Apr 2017 - 14:30

Il Salone del Mobile di quest'anno è la vetrina di un settore in buona salute. Grazie anche alle performance del comparto dell’illuminazione, le cui esportazioni sono in continua crescita



Arriva la primavera e, puntuale come ogni anno, arriva il Salone del Mobile di Milano. Un evento di portata mondiale che, insieme agli eventi collegati al Fuori Salone, fa di Milano la capitale globale del design per una settimana. Anzi, per tutto l’anno, perché il settore del Legno-Arredo ha una profonda tradizione nella nostra manifattura e fa dell’Italia il primo Paese in Europa per numero di imprese nel settore, davanti alla Germania e ai più recenti competitor tra i quali spicca la Polonia. Si tratta di una filiera radicata sul territorio, i cui distretti esprimono ancora vitalità in termini di occupazione e fatturato sul Pil delle regioni. Basti pensare al Friuli, in cui il 64% delle imprese appartengono al Legno-Arredo e producono il 15% del Pil regionale. O alle Marche, dove la produzione copre il 10% della produzione totale della regione; o ancora al Veneto che assieme alla Lombardia rappresenta la quota maggiore della produzione italiana ed esporta da solo un terzo dei mobili destinati alla Germania, alla Francia e agli Stati Uniti (i nostri principali mercati di sbocco). In cima al podio troviamo però la Lombardia, che con i distretti del Mobile brianzolo e del Pannello mantovano è la prima regione della filiera in termini di fatturato, la seconda per imprese e addetti ed esporta in tutto il mondo coprendo il 30% delle esportazioni complessive della filiera.

legno arredo

Ogni cosa è (ben) illuminata

Ma, all’interno di un settore che già di per sé rappresenta un’eccellenza tricolore, ci sono delle vere e proprie “chicche”. Secondo il Centro Studi di Federlegno Arredo, che ha elaborato i cosiddetti Pmi Score, indici che sintetizzano i fattori determinanti di redditività, solidità e solvibilità delle aziende, il miglior settore del comparto è quello dell’illuminazione (Pmi score 72,8) mentre all’ultimo posto troviamo  le cucine (Pmi Score 49,6). Infatti, proprio riguardo all’illuminazione i dati sono sempre più confortanti: se nel corso del 2014 il settore ha beneficiato del buon andamento dei mercati esteri, con esportazioni cresciute del 3,5%, per un valore di 1,5 miliardi di euro, pari al 73% del fatturato totale, nei primi mesi del 2015 le aziende italiane produttrici di apparecchi di illuminazione hanno incrementato l’export di un significativo 6%, più o meno in linea con la media europea.

illuminazione

Luce di design

Per fare qualche nome, tra le eccellenze italiane del comparto troviamo Flos, azienda bresciana tra i leader a livello mondiale nel settore dell’illuminazione residenziale e architetturale. Fondata nel 1962, oggi può contare su un giro d’affari di 208,4 milioni di euro, con una crescita che nel 2016 è stata del 4,7%. Il gruppo, partecipato dal 2014 per l’80% dal fondo Investindustrial di Andrea Bonomi, può contare su tre unità produttive: Home, Architectural e Outdoor, ed esporta in oltre 70 Paesi nel mondo con una quota d’export che tocca l’84%. Altro brand italiano d’illuminazione famoso nel mondo è Artemide. Il gruppo, con sede a Pregnana Milanese e un fatturato da 78 milioni di euro, si è di recente aggiudicato l’illuminazione della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli a Milano e della nuova mensa scolastica progettata da Stefano Boeri Architetti per Amatrice. Infine, non si può non citare Luceplan, oggi parte del business di Consumer Luminaires di Philips Lighting: marchio nato a fine anni ’70, ora ha filiali in tutto il mondo e vanta collaborazioni con progettisti come Alberto Meda e Paolo Rizzatto – premiato più volte con il Compasso d’Oro, il più autorevole premio mondiale di Design.
A proposito di design, una piccola (ma fortemente innovativa) realtà lombarda, Promemoria, ha brevettato Icoesaedro, un sistema d’illuminazione a led frutto di uno studio durato tre anni e applicabile a ogni prodotto della collezione lighting dell’azienda. Una mix di bellezza e tecnologia esposto presso BIG-Borsa Italiana Gallery, la galleria d’arte di Borsa Italiana a Palazzo Mezzanotte, durante la Milano Design Week (4-9 aprile).

icosaedro