Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Rinnovabili, a settembre boom di eolico e idroelettrico

FTA Online News, Milano  24 Ott 2017 - 17:53

La green energy sale al 34% del fabbisogno italiano



Flette del 2% a settembre la domanda italiana di energia elettrica. Lo riporta il gestore della rete elettrica nazionale Terna nel report periodico, specificando però che il calo ha risentito del giorno lavorativo in meno del settembre 2017 su quello dell’anno primo e delle temperature del 2% circa inferiori alla media di periodo. Nei primi nove mesi la domanda comunque mostra un incremento dell’1,7% a/a (a parità di calendario +2,2%).

Come sempre la domanda di elettricità è stata in gran parte soddisfatta con produzione nazionale (l’86,5% contro il 13,5% dell’energia scambiata con l’estero) ma complessivamente la produzione nazionale netta ha mostrato nel mese un calo del 5% a 22,7 miliardi di kWh.

Interessante l’evoluzione del mix di produzione che rivela a settembre una crescita del 9,7% dell’energia fotovoltaica, del 10,5% di quella idrica, del 53,6% di quella eolica, mentre la produzione geotermica registra un rallentamento del 2,7% e quella termica del 12,5 per cento.

Cresce dunque complessivamente il peso delle fonti rinnovabili nella composizione del fabbisogno elettrico italiano. A settembre il 14% circa proviene dall’estero e il 52% dall’energia termica, mentre l’energia prodotta da fonti energetiche rinnovabili raggiunge il 34% del fabbisogno complessivo contro il 30% del settembre 2016.