Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Automotive: tempi duri per il diesel

FTA Online News, Milano  05 Mar 2018 - 18:06

Si moltiplicano i segnali negativi per i motori a gasolio



Fiat Chrysler Automobiles potrebbe annunciare il prossimo primo giugno 2018 la fine della produzione di automobili con motori diesel a partire dal 2022. Lo ha riportato il Financial Times a fine febbraio, ricordando il trend in calo in tutta Europa per questo genere di motorizzazioni dopo lo scandalo del Dieselgate.

Alla fine dello scorso mese la corte federale amministrativa di Lipsia ha inoltre dato ragione alle amministrazioni di Stoccarda e Dusseldorf e sancito la possibilità per i comuni tedeschi di vietare la circolazione delle vetture diesel in caso di superamento dei limiti massimi di biossido di azoto in atmosfera.

In Italia, l’ultimo grande mercato europeo dei motori a gasolio, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha annunciato che i diesel non potranno circolare nel centro storico della capitale da partire dal 2024.

Tanti i segnali italiani ed europei, insomma, che proiettano ombre sempre più consistenti sul futuro delle motorizzazioni diesel.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.