Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Italia, in Parlamento la prima Relazione sugli indicatori di benessere

FTA Online News, Milano  21 Feb 2018 - 17:46

MEF: quadro incoraggiante



Pier Carlo Padoan, Ministro dell’Economia e delle Finanze (MEF), ha inviato al Parlamento la prima  Relazione sugli indicatori di benessere equo e sostenibile (BES) introdotta formalmente nei documenti di programmazione economico-finanziaria e nel processo di bilancio dalla legge n. 163 del 2016.
Sulla base delle previsioni del Documento di Economia e Finanza (DEF) 2017, questa relazione monitora l’andamento di quattro indicatori inseriti in via sperimentale e riguardanti il reddito disponibile aggiustato pro capite, la disuguaglianza dei redditi, il tasso di mancata partecipazione al lavoro e le emissioni di CO2 e altri gas clima alteranti nell’atmosfera.

La relazione evidenzia l'evoluzione nel triennio in corso di questi indicatori in base agli effetti delle misure introdotte dalla legge di bilancio dello scorso dicembre. Il Ministero dell’Economia definisce incoraggiante il quadro previsionale che emerge da tali indicatori.

In particolare nel triennio 2018-2020 il reddito disponibile aggiustato (RDA) pro capite dovrebbe crescere del 5,5% (in termini nominali oltre i 1.000 euro). Si tratta del reddito effettivamente disponibile per le famiglie al netto di contributi sociali e tasse e comprensivo anche di servizi come scuola e sanità pubblica.

Buone indicazioni giungono anche dalla disuguaglianza dei redditi, che dovrebbe flettere dai 6,2 punti del 2017 a 6,0 punti nel biennio 2019-2020. Questo indicatore viene calcolato come il rapporto dei redditi tra il 20% più agiato della popolazione e il 20% più povero.

Coerente con questo quadro anche la riduzione del tasso di mancata partecipazione al mercato del lavoro dal 20,7% del 2017 a un 18,6% atteso nel 2020.

Stabili, infine, le previsioni sulle emissioni di CO2: dovrebbero aver raggiunto le 7,5 tonnellate pro capite nel 2017, ma si dovrebbero mantenere sostanzialmente costanti nei tre anni successive, nonostante la ripresa economica in corso.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.