Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Auto “ecofriendly”: vendite UE +36% nel primo semestre

FTA Online News, Milano  29 Set 2017 - 12:25

Italia primo mercato per l'alimentazione alternativa



In Europa nella prima metà del 2017 sono state immatricolate 463.567 automobili ad alimentazione alternativa e si è dunque registrata una crescita del 36,2% sul dato del primo semestre 2016.

Il totale di auto elettriche (sia a batteria BEV, che ibride plug-in PHEV) ha raggiunto le 127.573 unità, con un incremento del 33,6 per cento. Le ibride immatricolate nell’area Europa+EFTA  (meno Malta) sono state pari a 228.881 unità (+58,4%), mentre le auto a gas hanno ottenuto una performance meno brillante con una crescita del 6,8% delle immatricolazioni a quota 107.113 unità.
Lo ha evidenziato un Focus sul comparto dell’Area Studi e Statistiche dell’ANFIA, l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica.

Nel rapporto si legge anche che: “Nell’area Ue, la quota delle auto ad alimentazione alternativa sul totale mercato è del 5,1% nel 1° semestre 2017, mentre nell’area EFTA sale al 19,3% (un quinto del mercato). Per l’Ue allargata all’EFTA la quota si attesta al 5,5% del mercato”.

Si nota inoltre che Norvegia, Italia e Svezia hanno i mercati ad alimentazione alternativa più rilevanti in termini relativi. In Norvegia, nella prima metà del 2017, circa la metà di tutte le nuove auto vendute aveva un’alimentazione alternativa. In Italia le “ecofriendly” hanno raggiunto il 10,9% del mercato (era il 10,2% nell’anno 2016), in Svezia la quota di alternative sul totale era pari al 9,8%.

Se si ragiona in termini assoluti, l’Italia è il primo mercato con auto ad alimentazione alternativa: ben 123.301 automobili, contro 58.657 del Regno Unito, le 53.449 della Francia e le 50.905 della Germania. Va però considerato che in Italia conta in maniera decisiva il peso delle automobili a gas: nel Bel Paese coprono il 71,8% delle auto a trazione alternativa e si dimostrano una nostra peculiarità. Senza questo segmento l’Italia scenderebbe in quinta posizione dietro la Norvegia.