Borsa Italiana utilizza i cookie per una migliore gestione del sito. I cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli e per informazioni su come gestire i cookie, si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie.

  
English not available
space
space
space
Finanza Etica
Borsa Italiana Università Commerciale Luigi Bocconi
space
space
space
space
Primo Piano
space

Generali Millennium: la microassicurazione in India



Intervista a Marina Donati, responsabile del bilancio di sostenibilità Generali



20 Feb - 18:20

Fra gli Obiettivi del Millennio che i paesi membri delle Nazioni Unite si sono posti per il 2015, uno dei principali è senz’altro quello della lotta alla povertà. Le grandi società internazionali sono chiamate a fare la propria parte e l’italiana Generali ha deciso di giocare la propria partita in India con l’iniziativa di microassicurazione Generali Millennium. Ne parliamo con Marina Donati, responsabile del bilancio di sostenibilità della compagnia assicurativa triestina.

La vostra società ha avviato in India tre diversi progetti di microassicurazione con l’obiettivo di raggiungere due milioni di adesioni entro i prossimi 5 anni. In qualche maniera proponete su un territorio molto diverso da quello italiano dei servizi che suppliscono a determinate carenze del welfare locale, soprattutto in campo medico: ce ne parla?

“Generali è presente da diversi anni in India attraverso Future Generali e questo ci ha consentito di studiare con cura, a partire dal 2009, delle iniziative che potessero avere anche un risvolto sociale importante per le fasce della popolazione indiana più disagiate. Nel Tamil Nadu, per esempio, collaboriamo con BWDA Finance Limited e dal settembre del 2011 promuoviamo un piano di microassicurazione che permette, soprattutto alle donne che lavorano in piccole realtà imprenditoriali, di garantirsi con premi a costi ridotti una copertura contro gli infortuni e i relativi costi di ospedalizzazione”.

Vedo che collaborate anche a Mumbai con Swasth India in tre centri sanitari...

“Nella ex Bombay offriamo un servizio assicurativo che copre le prestazioni ambulatoriali e i ricoveri ospedalieri. Il bisogno di copertura sanitaria è molto sentito in India e noi abbiamo dovuto studiare e creare soluzioni innovative adatte alle varie realtà. A Mumbai garantiamo con le nostre polizze, che in questo caso hanno un premio di circa 6 euro l’anno per nucleo familiare, anche prestazioni sanitarie che non necessitano di ricoveri ospedalieri e forniamo servizi e medicinali a costo ridotto. Questo permette di ridurre i ricoveri che non sono necessari e garantire l’accesso agli ospedali a chi ne ha veramente bisogno. Le fasce più deboli della popolazione, come i “dalit” (gli ex intoccabili della struttura per caste abolita in India) e le donne, traggono vantaggio dai nostri servizi”.

Avete promosso anche delle iniziative di microimprenditorialità?

“Sì, nel Tamil Nadu abbiamo completato la costruzione di una mensa da 120 posti. Nel villaggio di Kuppayanallur abbiamo collaborato alla costruzione di una fabbrica per la produzione di mattoni. La microimprenditorialità in India può essere una grande risorsa, ma richiede una selezione attenta delle persone con cui si avviano dei progetti e una formazione che le metta in grado di realizzarli, e che noi garantiamo”.

Come si sono articolati i servizi di microassicurazione offerti nell’ambito del Generali Millennium?

“Abbiamo dovuto studiare il territorio, avviare uno scouting dei potenziali partner e costruire, attraverso Future Generali, diversi modelli operativi innovativi per venire incontro alle esigenze di associazioni e comunità locali. I servizi offerti sono vari: copriamo i costi degli infortuni in Tamil Nadu con BWDA, forniamo servizi sanitari e prestazioni ambulatoriali a Mumbai con Swasth India e con Swabhimaan, una social business di Nuova Delhi, abbiamo avviato la distribuzione di prodotti assicurativi che prevedono l’acquisto online di una carta servizi che, tra l’altro, consente ai datori di lavoro di offrire copertura sanitaria e infortuni ai propri dipendenti. Quest’ultimo prodotto, essendo venduto online, può tendenzialmente essere distribuito in tutto il territorio indiano. La diversità delle soluzioni assicurative riflette l’approccio del Gruppo, volto a studiare soluzioni ad hoc per venire incontro a specifiche difficoltà di alcune comunità più svantaggiate”.
message


space
Ultimo aggiornamento:  21 Febbraio 2012 - 09:36

space


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.