Borsa Italiana utilizza i cookie per una migliore gestione del sito. I cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli e per informazioni su come gestire i cookie, si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie.

  
English

Quotazione

Sia nel caso di covered warrant che nel caso di certificates, qualora l'attività sottostante sia costituita da titoli azionari, l'emittente è un soggetto diverso e indipendente dall'emittente l'attività sottostante.

Possono essere ammessi a quotazione covered warrant o certificates che hanno come sottostante le seguenti attività finanziarie:

  • Azioni italiane o estere, quotate in Borsa in Italia o in un altro stato, a elevata liquidità;

  • Titoli di stato, negoziati sui mercati regolamentati a elevata liquidità;

  • Tassi di interesse ufficiali o generalmente utilizzati sul mercato dei capitali;

  • Valute, la cui parità di cambio sia rilevata con continuità dalle autorità;

  • Merci, per le quali esista un mercato di riferimento caratterizzato dalla disponibilità di informazioni continue e aggiornate sui prezzi delle attività negoziate;

  • Indici o panieri di indici, notori e caratterizzati da trasparenza nei metodi di calcolo e diffusione.

Borsa Italiana può ammettere alla quotazione anche covered warrant o certificates su attività sottostanti diverse da quelle sopra indicate su specifica richiesta dell'emittente, qualora siano soddisfatti i requisiti base (elevata liquidità dello strumento e disponibilità di informazioni continue sui prezzi) stabiliti dal Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A nel capo relativo ai "Covered Warrant e Certificates".

La liquidazione dei covered warrants e dei certificates su titoli azionari o titoli di stato quotati sui mercati regolamentati da Borsa Italiana può avvenire, coerentemente con quanto indicato nel prospetto di quotazione, mediante consegna fisica dell'attività sottostante o tramite liquidazione monetaria. Per tutte le altre categorie di attività sottostanti è consentita esclusivamente la modalità di liquidazione monetaria.

Borsa Italiana prevede nel proprio regolamento le seguenti norme di standardizzazione:

  • i covered warrants non possono avere scadenza inferiore a tre mesi nel caso in cui sulla medesima attività sottostante sia stato introdotto da Borsa Italiana un prodotto derivato e non possono comunque avere scadenza superiore a 5 anni. Quest'ultima condizione può essere derogata da Borsa Italiana su richiesta motivata dell'emittente e in presenza di informazioni sufficienti per la determinazione del prezzo;

  • per tutti i securitised derivatives tranne i covered warrant esotici/strutturati e gli investment certificates che incorporano opzioni accessorie, la parità deve essere pari a 0.1 se l'attività sottostante è un'azione italiana e pari a 0.0001 se l'attività sottostante è rappresentata dall'indice FTSE/MIB o da altri indici gestiti da Borsa Italiana o da società con le quali Borsa Italiana abbia stipulati appositi accordi (per tutti gli altri tipi di sottostanti la parità è decisa dall'emittente);

  • esercizio automatico a scadenza se il covered warrant o il certificate è in the money;

  • il prezzo di liquidazione deve essere espressione di una quantità significativa di volumi scambiati dell'attività sottostante. In particolare, per i covered warrant o certificates con sottostante azioni italiane, deve essere pari al prezzo di riferimento del giorno precedente a quello di scadenza nell'ipotesi di esercizio a scadenza e al prezzo di riferimento del giorno di esercizio nell'ipotesi di esercizio anticipato; per i covered warrant con sottostante indici gestiti da Borsa Italiana, il prezzo di liquidazione deve essere pari al prezzo di apertura dei titoli che lo compongono nel giorno di scadenza -nell'ipotesi di esercizio a scadenza- e al prezzo di apertura dei titoli che lo compongono nel giorno successivo a quello di esercizio -nell'ipotesi di esercizio anticipato-.

Se l'attività sottostante è un'azione, l'emittente deve dichiarare a Borsa Italiana l'avvenuta comunicazione dell'emissione all'emittente l'attività sottostante. Deve inoltre prevedere a livello regolamentare l'effettuazione di rettifiche in occasione di eventi di natura straordinaria che tendano a neutralizzare gli effetti distorsivi dell'evento.


Requisiti Securitised Derivatives

Ultimo aggiornamento:  12 Dicembre 2012 - 12:33



 

;


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.