Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

FTSE Russell lancia i nuovi indici PIR Compliant sull’Italia

20 Giu 2017 - 13:34

‒      Sei nuovi indici con focus mid e small cap italiane

‒      FTSE Russell porta così a 24 il numero degli indici per il mercato azionario italiano

FTSE Russell, società del gruppo LSE che calcola tutti i principali indici di Borsa Italiana e MTS, lancia sei nuovi indici, costruiti per valorizzare le opportunità offerte dalla nuova normativa dei Piani Individuali di Risparmio.
All’interno della legge di bilancio 2017 il governo italiano ha introdotto i Piani Individuali di Risparmio che prevedono un notevole vantaggio fiscale a chi costruisce un portafoglio PIR, caratterizzato da precisi requisiti di asset allocation.   L'esenzione fiscale su rendite finanziarie e  capital gain dei piani individuali di risparmio è subordinata a cinque anni di permanenza in portafoglio e a una concentrazione degli investimenti su asset italiani (azioni e obbligazioni emesse da società diverse da quelle immobiliari) per almeno il 70%. Di questa porzione il 30% (il 21% del totale) deve essere dedicato a strumenti finanziari emessi da piccole e medie imprese, non comprese nell'indice FTSE MIB. Per questa ragione FTSE Russell ha predisposto dei nuovi indici che, partendo dalla base di quelli già esistenti, tengono conto dei requisiti previsti dalla normativa PIR.
Nel dettaglio, i nuovi indici sono:

1)    FTSE Italia PIR PMI All Index

2)    FTSE Italia PIR Mid Small Cap Index

3)    FTSE Italia PIR PMI Plus Index 

4)    FTSE Italia PIR STAR Index

5)    FTSE Italia PIR Benchmark Index

6)      FTSE Italia PIR Benchmark STAR Index

 

·         Gli indici FTSE Italia PIR PMI All e FTSE Italia PIR Mid Small Cap rappresentano robusti indicatori dell’universo delle azioni idonee ai PIR quotate sui mercati azionari di Borsa Italiana.

·         Gli indici FTSE Italia PIR PMI Plus and FTSE Italia PIR STAR possono esere usati come efficienti sottostanti di ETF o securitised derivatives, visto il loro focus sulle principali PMI per dimensione e liquidità.

·         Gli indici FTSE Italia PIR Benchmark e FTSE Italia PIE Benchmark STAR sono funzionali all’impiego come benchmark di portafogli costruiti partendo dall’intero insieme di azioni quotate su MTA idonee all’inclusione in conti PIR, che includano sia blue chips che PMI.

La nascita dei nuovi indici conferma il ruolo sempre più centrale delle mid e small cap  sui mercati italiani .
Al momento del lancio gli indici comprendono fino a un totale di 271 azioni negoziate sui mercati di Borsa Italiana; le nuove società che progressivamente si quoteranno entreranno a far parte del paniere nelle consuete revisioni trimestrali.
A oggi, con l’inserimento di questi nuovi indici, il numero degli indici FTSE Russell espressamente costruiti per il mercato italiano  raggiunge quota 24.

Luca Filippa, Responsabile per sud Europa di FTSE Russell ha commentato:
“Il crescente interesse nei confronti dei PIR ci ha portato a creare un set di nuovi indici che possano essere utili per chi intende seguire l’andamento delle azioni idonee all’inclusione nei PIR, anche attraverso strumenti come ETF o fondi passivi. Con il lancio della nuovo set di indici PIR, FTSE Russell offre l’opportunità di cogliere a pieno le potenzialità dei piani individuali di risparmio, in un contesto caratterizzato da standardizzazione secondo le best practices internazionali e trasparenza. Con questa azione intendiamo contribuire, per quanto di nostra competenza, alla scelta di istituire i PIR, che offrono l’opportunità di coniugare i vantaggi individuali di una fiscalità agevolata con l’obiettivo di rafforzare il finanziamento con capitale di rischio delle imprese – con particolare attenzione alle PMI - e favorire la loro crescita, avvicinando ancora di più finanza ed economia reale”.

Per scaricare il comunicato stampa in PDF: (pdffile pdf - 251 KB)