Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

PROLink continua a migliorare la trasparenza sul mercato ExtraMOT PRO

07 Giu 2017 - 17:26

-       Il segmento conta oggi un totale di 176 strumenti in negoziazione

-       19 strumenti di debito quotati nel 2017 per un controvalore al momento dell’emissione di circa 2.049,5 milioni di euro

-       ExtraMOT PROLinK è la piattaforma che raccoglie in maniera standardizzata ed organica tutte le principali informazioni sulle società e sugli strumenti in quotazione sul mercato

Viene presentata oggi, con un incontro in Borsa Italiana, la Credit Research, un servizio per le PMI emittenti di obbligazioni sul mercato ExtraMOT PRO elaborata da ADB – Corporate Advisory che raccoglie le informazioni di pubblico accesso sviluppando analisi, valutazioni ed approfondimenti qualitativi, col fine di agevolare l’incontro tra i potenziali investitori e le società emittenti.
La Credit Research è disponibile su PROLinK, la piattaforma di Borsa Italiana dedicata al mercato (http://www.borsaitaliana.it/pro-link/home.htm ) e si avvale del modello di scoring  denominato " PMI ZI-Score" specifico per il mercato italiano messo a punto da Wiserfunding, società fondata da Edward I. Altman, Max L. Heine Professor of Finance alla Stern School of Business della New York University e dal Dott. Gabriele Sabato.

Il mercato conta oggi 236 strumenti quotati dal suo lancio e supera gli 11 miliardi di euro di ammontare complessivamente raccolto da quando è stato avviato.

Pietro Poletto, Responsabile Fixed Income Markets del London Stock Exchange Group ha dichiarato:
“ExtraMOT PRO è in crescita e rappresenta ormai il punto di riferimento per gli strumenti di debito delle società italiane. Le novità presentate oggi continuano nella direzione di ridurre il gap informativo e di aumentare la trasparenza contribuendo a sostenere la crescita dell’economia reale”.

Per scaricare il comunicato in PDF:(pdffile pdf - 235 KB)