Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

ExtraMOT PRO: link tra aziende a investitori

12 Apr 2016 - 12:30

-       Il segmento conta oggi un totale di 127 strumenti in negoziazione
-       18 strumenti di debito quotati nel 2016 per un controvalore al momento dell’emissione di circa 414 milioni di euro
-       ExtraMOT PROLinK è la piattaforma che raccoglie in maniera standardizzata ed organica tutte le principali informazioni sulle società e sugli strumenti in quotazione sul mercato

Sono stati presentati oggi, con un incontro in Borsa Italiana, i risultati raggiunti dal mercato ExtraMOT PRO e le novità del portale ExtraMOT PROLinK, la piattaforma di Borsa Italiana dedicata al mercato (http://www.borsaitaliana.it/pro-link/home.htm ).

Il mercato è cresciuto fortemente negli ultimi anni e, per rendere sempre più trasparente, completa ed efficace la comunicazione all’interno della community, è stato creato ExtraMOT PROLinK.

Nel corso del convegno, sono state illustrate le novità che verranno apportate alla piattaforma.

In particolare, Edward I. Altman, Max L. Heine Professor of Finance alla Stern School of Business della New York University ha illustrato un nuovo modello di scoring  denominato "Classis PMI ZI-Score" specifico per il mercato italiano.

La giornata ha visto gli interventi, tra l’altro, di Alessandro Aresu, Segreteria tecnica del Ministero dell’Economia e delle Finanze e Carlo Bonomi, Vice Presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza con delega a Credito e Finanza, Fisco, Organizzazione e Sviluppo.

Pietro Poletto, Responsabile Fixed Income Market del London Stock Exchange Group ha dichiarato:
“ExtraMOT PRO è in crescita e rappresenta ormai il punto di riferimento per gli strumenti di debito delle società italiane. Nel primo trimestre del 2016 sono stati ammessi alle negoziazioni circa il 30% della totalità degli strumenti ammessi lo scorso anno. Le novità presentate oggi permetteranno di ridurre il gap informativo e di aumentare la trasparenza contribuendo a sostenere la crescita dell’economia reale”.

Per ulteriori informazioni:

Oriana Pagano

+39 02 7242 6360

media.relations@borsaitaliana.it

Per scaricare il comunicato in Pdf: (pdffile pdf - 236 KB)