Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

20 anni di MOT, la storia del risparmio italiano

06 Giu 2014 - 11:01

Borsa Italiana celebra i 20 anni del MOT, Mercato Obbligazionario Telematico.
Nel corso degli anni sono stati quotati su questo mercato tutti i titoli di Stato, diventando il mercato di riferimento per i risparmiatori italiani.

Nel 1994, a seguito del processo di riforma che ha portato all’unificazione delle dieci Borse Valori italiane in un unico mercato telematico, è nato anche il MOT il mercato ufficiale dei titoli di stato e a reddito fisso dedicato al retail gestito da Borsa Italiana.

Prima di quella data la borsa era gridata, i titoli non erano ancora stati dematerializzati e la negoziazione era legata alla presenza fisica degli intermediari nel parterre. La svolta epocale di quegli anni ha portato al mercato come lo conosciamo oggi, dove il MOT è sinonimo di efficienza, velocità, informatizzazione degli scambi.

Oggi il MOT è un modello di eccellenza a livello internazionale ed è il primo mercato retail europeo di titoli a reddito fisso per scambi e controvalore.
Ad oggi sul MOT sono presenti 1204 strumenti suddivisi sui due  segmenti (738 su DomesticMOT e 466 su EuroMOT).

La forte presenza degli investitori retail ha portato anche al recente successo dell’innovativo BTP Italia, lo strumento emesso dal Tesoro legato all’inflazione italiana che prevede il collocamento diretto sul mercato obbligazionario di Borsa Italiana.
Il BTP Italia ha fatto registrare il record assoluto in Europa per un collocamento diretto al pubblico retail e il record storico per contratti e controvalore (Numero di contratti: 224.878; Controvalore: 16,841 miliardi di euro) in una singola giornata (5 novembre 2013) sul MOT.

Pietro Poletto, Responsabile dei mercati obbligazionari di Borsa Italiana ha commentato:

“Il MOT è l’unico mercato obbligazionario regolamentato in Italia, MIFID compliant, caratterizzato da un’assoluta trasparenza informativa che comprende la diffusione real time di tutte le informazioni necessarie al trading e una sezione del sito internet di Borsa Italiana interamente dedicata con schede prodotto per tutti gli strumenti in quotazione; il MOT vanta un ampio network di operatori connessi, con oltre 40 aderenti diretti e un alto numero di intermediari interconnessi che supportano la liquidità del mercato secondario. Anche per questo siamo da sempre il primo mercato obbligazionario retail in Europa, primato che ci rende particolarmente orgogliosi del lavoro svolto in questi 20 anni”.

Per celebrare il 20esimo anniversario del MOT, Borsa Italiana ha organizzato un’iniziativa charity con i principali player del mercato. Il ricavato della raccolta fondi verrà destinato dalla Fondazione del London Stock Exchange Group per sostenere il laboratorio di restauro della Pinacoteca di Brera, una delle principali collezioni artistiche europee.  La prima opera oggetto di restauro sarà il “Ritratto del Conte Antonio di Porcìa e Brugnera” di Tiziano. Borsa Italiana inaugura così un progetto più ampio che la vedrà in prima fila nella valorizzazione e salvaguardia del patrimonio culturale italiano.

 

Media Relations
Federica Marotti
Oriana Pagano
+39 0272426 360
media.relations@borsaitaliana.it
Twitter: @BorsaItalianaIT

 

Per scaricare il comunicato in Pdf: (pdffile pdf - 187 KB)