Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Monthly Report - Gennaio 2010

08 Feb 2010 - 11:00

LSEG: a gennaio il controvalore medio giornaliero degli scambi cresce del 14%



- Scambi su azioni italiane, reddito fisso, ETF e ETC in forte crescita sullo scorso anno

A gennaio 2010 la media giornaliera del controvalore scambiato su azioni sui mercati telematici del London Stock Exchange Group è cresciuta del 14% rispetto a gennaio 2009 raggiungendo quota 7,1 miliardi di sterline (8,0 miliardi di euro). La media giornaliera del numero dei contratti, 831.892, è in calo del sei per cento rispetto a gennaio 2009.  

L’aumento dell’attività di trading su azioni italiane e un più alto livello dell’indice FTSE MIB da gennaio 2009 ha portato un aumento del 46% nella media giornaliera del controvalore scambiato sul mercato telematico italiano, mentre la media giornaliera del numero dei contratti è cresciuta del sette per cento.

Nel corso del mese diversi mercati del Gruppo hanno registrato ottime performance, con una forte crescita negli scambi su MTS, ETF ed ETC. Sui mercati cash di MTS la media giornaliera del controvalore scambiato è più che raddoppiata, raggiungendo gli 11,9 miliardi di euro (10,5 miliardi di sterline), e registrando un incremento del 103% rispetto a gennaio 2009.  La media giornaliera del numero di contratti e del controvalore scambiati su ETC ed ETF è aumentata rispettivamente dell’85% e del 50%.

Scambi di azioni britanniche sui sistemi telematici

Durante il mese di gennaio 2010, il controvalore totale scambiato su azioni inglesi è stato di 83,9 miliardi di sterline (95 miliardi di euro) e il numero complessivo dei contratti è stato di 11,1 milioni.

La media giornaliera del controvalore scambiato su azioni inglesi è stata di 4,2 miliardi di sterline (4,8 miliardi di euro), in calo del tre per cento rispetto allo scorso anno, mentre la media giornaliera dei contratti è scesa a quota 553.978, in calo del 12%.

Scambi di azioni italiane sui sistemi telematici

Il numero complessivo dei contratti scambiati su azioni italiane è stato di 4,5 milioni e il controvalore totale scambiato ha raggiunto i 50,3 miliardi di euro (44,4 miliardi di sterline).

La media giornaliera dei contratti scambiati su azioni italiane è stata di 227.319, in crescita del sette per cento rispetto a gennaio 2009. Anche la media giornaliera del controvalore scambiato durante il mese ha registrato un incremento, raggiungendo i 2,5 miliardi di euro (2,2 miliardi di sterline), in crescita del 46% rispetto allo scorso anno.

Scambi di azioni internazionali sui sistemi telematici

La media giornaliera del controvalore scambiato in azioni internazionali sui mercati telematici del Gruppo è cresciuta del 116% rispetto allo scorso anno, totalizzando 679 milioni di sterline (769 milioni di euro), mentre la media giornaliera del numero dei contratti è stata pari a 50.594, in aumento del 36% rispetto a gennaio 2009.

ETF ed ETC

Gli scambi in ETF ed ETC sono stati intensi, con la media giornaliera del numero di contratti in crescita dell’85% rispetto a gennaio dello scorso anno, totalizzando la cifra di 16.773. La media giornaliera del controvalore scambiato ha raggiunto quota 419 milioni di sterline (474 milioni di euro), in aumento del 50%. Gennaio 2010 è stato il secondo mese di sempre sia per contratti che per controvalore scambiato.

Derivati

La media giornaliera dei contratti scambiati sui mercati dei derivati del Gruppo, EDX London e IDEM, è scesa del 25% rispetto a gennaio 2009 a 267.742. La media giornaliera del controvalore nozionale scambiato sull’IDEM è cresciuta del 41% a 2,9 miliardi di euro (2,5 miliardi di sterline), mentre la media giornaliera dei contratti è scesa del sette per cento a 117.798. Su EDX la fine dell’accordo con Nasdaq OMX e la conseguente interruzione del trading su prodotti legati all’indice svedese ha avuto un impatto sul controvalore e sui contratti scambiati.

Fixed income

Durante il mese gli scambi sui mercati cash di MTS hanno continuato ad essere intensi, con una media giornaliera del controvalore scambiato in aumento del 103% a 11,9 miliardi di euro (10,5 miliardi di sterline), mentre sul mercato MTS Repo il controvalore medio giornaliero scambiato è aumentato del 73% rispetto allo scorso anno con 214,3 miliardi di euro (189,2 miliardi di sterline).

A gennaio 2010 la media giornaliera del controvalore scambiato sul MOT, il mercato fixed income per il retail di Borsa Italiana, è stata pari a 846 milioni di euro (747 milioni di sterline), in calo del 15% rispetto a gennaio dello scorso anno.

La media giornaliera dei contratti, 13.721, è scesa del 22% rispetto a gennaio 2009.

Scarica il comunicato con le tabelle: (pdffile pdf - 493 KB)

Per ulteriori informazioni:

Anna Mascioni +39 02 72426 211
Lauren Crawley-Moore +44 (0)20 7797 1222

 

Altre informazioni:

Questa nota informativa considera solamente gli scambi su sistemi telematici; gli scambi comunicati sia al London Stock Exchange sia a Borsa Italiana ma eseguiti al di fuori dei loro sistemi telematici non sono inclusi. Nel mese di gennaio 2010 ci sono stati 20 giorni di trading sul London Stock Exchange, come lo scorso anno, mentre su Borsa Italiana sono stati 20, uno in meno dello scorso anno. Durante il mese di gennaio 2010 la media giornaliera di scambi su SETS – per gli scambi telematici di azioni sul London Stock Exchange –  è stata di 591.551, in diminuzione del 10% su gennaio 2009. Il controvalore medio giornaliero è stato pari a 4,8 miliardi di sterline, in crescita del 4% su gennaio 2009. I dati del mercato primario relativi a gennaio saranno disponibili sui siti internet del London Stock Exchange e di Borsa Italiana nel corso del mese. I valori indicati per il mese di gennaio 2010 utilizzano un cambio €:£ pari a 1,13. Il cambio utilizzato per gennaio 2009 è stato 1,11.