Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

2009

Borsa Italiana sceglie FTSE come index provider

14 Gen 2009 - 17:00

Dal 30 marzo 2009 l’indice di riferimento per il mercato italiano sarà il FTSE/MIB



A partire da lunedì 30 marzo 2009, gli indici per i mercati di Borsa Italiana saranno calcolati dall’ index provider  FTSE Group.

Questo accordo, concluso grazie anche all’intesa tra Standard & Poor’s e Borsa Italiana, si inserisce nel processo di integrazione tra London Stock Exchange e Borsa Italiana con l’obiettivo di armonizzare gli index provider del London Stock Exchange Group. FTSE Group è il principale index provider del London Stock Exchange.

A seguito dell’accordo con Standard & Poor’s, FTSE sostituirà l’indice S&P/MIB delle Blue Chip italiane, rinominandolo FTSE/MIB.

FTSE e Borsa Italiana, infatti, intendono mantenere l’attuale metodologia di calcolo dell'S&P/MIB, limitando il cambiamento alla sola denominazione dell'indice.

A partire dal prossimo 30 marzo 2009 verrà affidato a FTSE anche il calcolo degli indici informativi dei mercati equity di Borsa Italiana, oggi gestito dalla stessa Borsa Italiana.

FTSE e Borsa Italiana stanno lavorando per fornire al mercato italiano un gruppo di indici basati sulla best practice del settore. Maggiori dettagli saranno disponibili nelle prossime settimane.

Il cambio dell’index provider porterà ad alcune modifiche nei Regolamenti di Borsa Italiana.


Nota:

La data del 30 marzo 2009 è soggetta a una positiva accettazione da parte dei clienti e ad un positivo programma di test.
Introdotto congiuntamente nel 2003 da Standard & Poor’s e Borsa Italiana,  l’S&P/MIB  è stato riconosciuto a livello internazionale come l’indicatore di riferimento per i mercati azionari italiani e utilizzato come sottostante principale per i prodotti strutturati collegati alle società italiane quotate. Nel 2003 è stato lanciato il primo ETF italiano basato sull’ indice S&P/MIB e nel 2004 l’indice S&P/MIB ha sostituito il MIB 30 come sottostante per future e opzioni sul mercato IDEM.

 

Scarica il comunicato in pdf: (pdffile pdf - 153 KB)