Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2008

Mot, il mercato delle obbligazioni di Borsa Italiana

16 Dic 2008 - 12:30

Nel mese di novembre scambi per oltre 17 miliardi di euro



Nel mese di novembre 2008 su MOT, il mercato obbligazionario di Borsa Italiana, sono stati conclusi 295.722 contratti per un controvalore complessivo di 17,24 miliardi di euro. Rispetto al mese di novembre dello scorso anno, l’incremento degli scambi è pari al 39,4% (212.107 nel 2007) mentre il controvalore negoziato è cresciuto del 46,35% (11,78 miliardi nel 2007).

I contratti medi giornalieri sono passati da 9.641 di novembre 2007 a 14.786 di novembre 2008 (+53,37%) mentre il controvalore medio giornaliero è passato da  535,4 milioni a 861,9 milioni (+60,98%).

I contratti totali nel periodo gennaio-novembre 2008 sono stati 2.786.034 (+8,7 rispetto allo stesso periodo del 2007) per un controvalore scambiato di 161,4 miliardi di euro (+14,4%).

La media giornaliera dei contratti nello stesso periodo è stata pari a 11.906 (+9% rispetto al 2007) per un controvalore medio giornaliero scambiato di 690 milioni di euro (+14,7%).

Viene confermato in particolare il trend positivo degli scambi sui titoli di stato italiani del comparto DomesticMOT e sui titoli sovrannazionali, eurobonds e titoli di stato esteri negoziati sul comparto EuroMOT.

I numeri evidenziano il cosiddetto processo, ancora in atto, di flight to quality che vede gli investitori spostarsi verso strumenti finanziari a capitale garantito e a basso rischio e la centralità che il mercato obbligazionario di Borsa Italiana riveste per l’investitore sia retail che professionale.

Pietro Poletto, responsabile del mercato MOT, ha commentato: “questi risultati dimostrano che, anche nelle recenti fasi di tensione e volatilità dei mercati, gli investitori hanno accordato la loro fiducia al mercato obbligazionario gestito da Borsa Italiana. Un mercato che ha sempre garantito regolarità negli scambi e continua a offrire solide garanzie e ampia liquidità agli investitori grazie al fatto di essere regolamentato, sorvegliato e privo di conflitti di interesse”.


Scarica il comunicato con i grafici: (pdffile pdf - 286 KB)