Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2008

AIM Italia

25 Set 2008 - 12:34

Il Cda di Borsa Italiana approva i regolamenti per l’AIM Italia, il nuovo mercato per le Pmi. Introdotta la figura del Nomad



Il Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana ha approvato ieri i Regolamenti per l’AIM Italia, il nuovo mercato exchange regulated di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese.

L’approvazione dei Regolamenti dell’AIM Italia recepisce i commenti emersi nella fase di consultazione con il mercato, conclusa il 12 settembre scorso, che ha visto coinvolte associazioni di categoria, intermediari e advisor.

L’impianto regolamentare dell’AIM Italia ha accolto le principali caratteristiche dell’AIM con alcuni adattamenti per rispondere alle peculiarità della realtà italiana. Si basa su due Regolamenti principali, il Regolamento Emittenti e il Regolamento Nomad, e i relativi allegati.

La creazione dell’AIM Italia rappresenta un importante obiettivo previsto dall’integrazione tra Borsa Italiana e il London Stock Exchange e si propone di offrire alle imprese italiane, in particolare a quelle di piccola e media dimensione, un flusso addizionale e qualificato di investimenti esteri in capitale di rischio provenienti anche dal mercato inglese, riconosciuto come primo mercato in Europa per numero di fondi specializzati in Small&Medium Caps.


Le principali caratteristiche dell’ AIM Italia:

  1. è un MTF ai sensi della Direttiva MiFID e non è quindi un mercato regolamentato ai sensi di legge; è invece exchange regulated cioè regolamentato dalla stessa Borsa
  2. è dedicato principalmente a strumenti finanziari equity
  3. trattandosi di un mercato non regolamentato, in fase di collocamento degli strumenti finanziari sul mercato e/o di ammissione, non sarà necessaria la predisposizione da parte dell’emittente di un Prospetto Informativo, a meno che non ricorrano i presupposti di applicazione della Direttiva Prospetto
  4. la  procedura di ammissione è semplificata e flessibile. La due-diligence è condotta dal Nominated Adviser che è responsabile nei confronti di Borsa Italiana anche per la fase successiva all’ammissione, assistendo e guidando l'emittente nell'adempimento degli obblighi regolamentari
  5. tutti i documenti di ammissione, i documenti e le informazioni previste dal Regolamento o preparati per gli azionisti devono essere in Italiano.  L’emittente che si quota sull’AIM Italia può inoltre scegliere di realizzare i documenti in lingua inglese. 
  6. L’emittente deve mantenere in via continuativa un operatore specialist, che garantisca l’operatività e la liquidità sul titolo


Chi è il Nominated Adviser (Nomad)

Secondo quanto previsto dal Regolamento Emittenti dell’AIM Italia, ogni società è tenuta ad avere su base continuativa un Nomad,  responsabile nei confronti di Borsa Italiana di valutare l’appropriatezza dell’emittente che richiede l’ammissione a AIM Italia.

Dopo l’ammissione il Nomad deve assistere e guidare l’emittente per tutta la durata della sua permanenza sul mercato, nel rispetto dei propri obblighi come previsto dal Regolamento Emittenti.

La qualifica di Nomad è attribuita da Borsa Italiana, che provvede all’ iscrizione nel Registro dei Nominated Advisers che sarà consultabile sul sito di Borsa Italiana.


Chi può fare il Nomad
L’attribuzione della qualifica di Nomad si basa su criteri oggettivi e  valutazioni da parte di Borsa Italiana, per garantire la reputazione e l’integrità del mercato. Sono previsti dei criteri di tipo qualitativo, per accertare che il Nomad abbia la necessaria esperienza in tema di corporate finance e una struttura organizzativa adeguata. Nella struttura organizzativa del Nomad è valorizzata la figura dei cosiddettikey executives, dipendenti senior che nel corso della propria carriera professionale abbiano seguito operazioni rilevanti di corporate finance e abbiano una salda comprensione dell’impianto legislativo e regolamentare italiano.


Procedura di Ammissione semplificata

Procedura di ammissione e requisiti:

  1. Ai fini della ammissione sul mercato l’emittente deve presentare a Borsa Italiana, almeno 10 giorni prima dell’ammissione, la comunicazione di pre ammissione, contenente informazioni sulla propria attività e sul collocamento. Almeno 3 giorni prima, deve presentare la domanda di ammissione accompagnata da un documento di ammissione che verrà pubblicato.
  2. Per l’ammissione all’AIM Italia la due-diligence sulla società è di competenza del Nomad incaricato di valutare l’appropriatezza della società rilasciando apposita dichiarazione a Borsa Italiana
  3. Pur non prevedendo un prospetto vero e proprio, il documento di ammissione è costruito sul modello dello schema di prospetto, come previsto dalla normativa Europea.


Trasparenza verso il mercato

Gli emittenti AIM Italia devono in primo luogo comunicare al pubblico le informazioni price sensitive in linea con quanto previsto dalla regolamentazione Consob.

Disclosure delle operazioni societarie:

  1. In tema di disclosure delle operazioni societarie, il regolamento stabilisce parametri e modalità di calcolo specifici per l’identificazione delle operazioni rilevanti (es. operazioni con parti correlate, reverse take-overs, operazioni che portino modifiche sostanziali del business) ai fini della loro disclosure.
  2. Sono considerate transazioni rilevanti (e devono quindi essere notificate) tutte le operazioni societarie che superino la soglia del 10%. Si prevede inoltre che ogni operazione con parti correlate superiore alla soglia del 5% debba essere notificata. Vanno inoltre comunicate tutte le operazioni che riguardano modifiche fondamentali del business.
  3. In tema di reverse take-overs, a differenza di quanto attualmente previsto sul mercato principale, si prevede una soglia più restrittiva (rapporto 1 a 1 tra incorporata e incorporante).


Informativa

  1. Disclosure di informazioni varie – Nel Regolamento sono specificate tutte le modifiche allo status dell’emittente che devono essere notificate. In particolare deve essere notificato dagli azionisti significativi qualsiasi variazione sostanziale relativa alla propria partecipazione azionaria. A questo proposito gli emittenti dovranno assicurare che i propri azionisti provvedano a queste notifiche. La soglia per la comunicazione delle partecipazioni azionarie è la stessa prevista per il mercato AIM in UK (i.e. 3%).
  2. Informativa periodica - L’emittente deve procedere alla pubblicazione delle relazioni semestrali e del bilancio, che deve essere sottoposto a revisione contabile. Le relazioni semestrali ed il bilancio devono essere preparati e presentati in conformità con i principi IAS.
  3. L’emittente a partire dalla data di ammissione dovrà sempre avere a disposizione un sito internet sul quale rendere disponibile gratuitamente tutte le informazioni riguardanti la stessa società.

A seguito dell’approvazione dei Regolamenti dell’ AIM Italia, è possibile avviare con Borsa Italiana le procedure per l’iscrizione al registro dei Nominated Advisers.

La data di avvio del mercato verrà comunicata con successivo Avviso di Borsa Italiana.


Scarica il comunicato in pdf:  (pdffile pdf - 386 KB)

Per scaricare i Regolamenti AIM Italia clicca qui