Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2007

Thomas Murray assegna a Monte Titoli il rating AA per i CSD

02 Lug 2007 - 12:15

Monte Titoli è il primo operatore nell’area Euro ad ottenere il rating ‘AA’



Monte Titoli, società del Gruppo Borsa Italiana, ha ricevuto il rating ‘AA’ per i Central Securities Depository (CSD) da parte di Thomas Murray, società inglese specializzata nell’attività di rating per la custodia e la gestione del rischio dei servizi di global securities.

Nell’ambito dei 140 depositari centrali monitorati da Thomas Murray, Monte Titoli è il primo operatore nell’area Euro ad ottenere il rating ‘AA’. A livello mondiale sono solo cinque le società, tra cui la Federal Reserve, ad avere questa valutazione. 

Nell’assegnare il rating, Thomas Murray ha sottolineato che “è stata favorevolmente impressionata dall’affidabilità delle procedure e dei controlli di risk management adottati da Monte Titoli”. E’ stato inoltre evidenziato come Monte Titoli abbia “dimostrato elevate capacità nella gestione delle attività di regolamento tramite la propria piattaforma Express II. Il settlement rate è tra i più elevati a livello internazionale”.

“Come riconosciuto da Thomas Murray – ha sottolineato Paolo Cittadini, General Manager di Monte Titoli - Monte Titoli ha continuato a migliorare e ad ampliare i suoi servizi e il livello di efficienza del suo sistema e intende proseguire in questa direzione lanciando entro la fine dell’ anno nuove funzionalità finalizzate a favorire l’accesso degli operatori esteri al mercato domestico e viceversa.”

Monte Titoli, leader in Europa per efficienza ed economicità dei servizi di custody & settlement, gestisce oltre 2.800 miliardi di euro di controvalore di strumenti finanziari e regola operazioni per un controvalore medio giornaliero superiore a 170 miliardi di euro, con percentuali di regolamento superiori al 99,7%.

Scarica il comunicato in pdf: (pdffile pdf - 34 KB)