Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2007

Approvato il bilancio dell'esercizio 2006

26 Apr 2007 - 11:45

L'Assemblea degli Azionisti di Borsa Italiana Spa approva il bilancio dell'esercizio 2006



BORSA ITALIANA SPA: BILANCIO 2006
Ricavi: 146,2 milioni di euro (133,3 nel 2005, +9,6%)
Utile netto: 49,2 milioni di euro (43,1 nel 2005, +14,1%)
Dividendo: 2,70 euro per ogni azione ordinaria
Pay-out all’89%

GRUPPO BORSA ITALIANA: BILANCIO CONSOLIDATO 2006
Ricavi: 278,5 milioni di euro (228,3 nel 2005, +22%)
Utile netto: 63,4 milioni di euro (52,2 nel 2005, +21,4%)


APPROVATE MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI

 

L’Assemblea degli Azionisti di Borsa Italiana Spa, riunitasi oggi, ha approvato il bilancio 2006 della Società.

Il bilancio di Borsa Italiana Spa si è chiuso con ricavi per 146,2 milioni di euro (133,3 milioni di euro nel 2005, +9,6%) ed un utile netto per 49,2 milioni di euro (43,1 milioni di euro nel 2005, +14,1%).

Il bilancio consolidato 2006 si è chiuso con ricavi per 278,5 milioni di euro (228,3 milioni di euro nel 2005, +22%) e utili per 63,4 milioni di euro (52,2 nel 2005, +21,4%).

Gli azionisti della Borsa Italiana riceveranno un dividendo di 2,70 euro per ciascuna delle 16.227.268 azioni ordinarie del valore nominale di 0,52 euro, per un ammontare complessivo di 43.813.624 euro, pari all’89% dell’utile netto.

L'Assemblea ha nominato Consiglieri Nicola D'Anselmo e Gaetano Micciché in sostituzione dei dimissionari Riccardo Lupi e Giovanni Gorno Tempini.

L’Assemblea degli Azionisti di Borsa Italiana ha approvato altresì alcune modifiche al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Spa, la cui entrata in vigore avverrà dopo l’approvazione della Consob.

Introduzione di una disciplina di listing per le Real Estate Investment Companies
Borsa Italiana ha aggiornato la disciplina di ammissione alla quotazione per le società immobiliari, portando a 200 milioni di euro la capitalizzazione minima per l’ammissione di queste società ai propri mercati azionari regolamentati (MTA ed Expandi).
Nel mercato Expandi viene introdotta la fattispecie delle c.d. Real Estate Investment Companies (REIC), cioè le società per azioni che svolgono, in via prevalente, attività di investimento e/o locazione in campo immobiliare e il cui statuto prevede limiti in materia di investimenti e di concentrazione dei rischi.
Queste integrazioni allineano Borsa Italiana alle disposizioni degli altri paesi Europei che già prevedono la quotazione di queste società fornendo un quadro di riferimento puntuale per le società immobiliari che assumeranno la qualifica di SIIQ.

Ammissione a negoziazione di contratti futures su energia elettrica
Borsa Italiana introduce le modifiche regolamentari propedeutiche all’avvio delle negoziazioni di un contratto future su energia elettrica. Tale contratto sarà negoziato in un apposito segmento del mercato IDEM, denominato IDEX, dove potranno partecipare intermediari finanziari e altri soggetti in possesso di particolari requisiti.
Le caratteristiche di questo contratto verranno sottoposte al prossimo Consiglio di Amministrazione della Borsa Italiana.

Requisito della sufficiente diffusione tra il pubblico
Borsa Italiana aggiorna la disciplina di ammissione, specificando che le azioni di Investment Companies quotate su MTA possono essere diffuse anche presso i soli investitori istituzionali.

Regole di condotta sulla liquidazione dei contratti
Borsa Italiana integra la disciplina vigente con nuove regole di condotta per sensibilizzare gli operatori ad un ordinato svolgimento delle negoziazioni e della liquidazione dei contratti presso i sistemi di regolamento. 
Gli operatori devono attuare precise strategie al fine di assicurare il regolamento dei contratti; qualora ravvisino di non essere in grado di liquidare dei contratti nei termini previsti, possono effettuare nuove operazioni di vendita solo se assistite da forme di copertura che assicurino la disponibilità degli strumenti finanziari nella stessa giornata di liquidazione prevista per l’operazione di vendita.

 

Scarica il comunicato in pdf: (pdffile pdf - 44 KB)