Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2004

 

040423_SeDeX


COMUNICATO STAMPA

SeDeX

Il nuovo nome del Mercato dei Securitised Derivatives

di Borsa Italiana

 

Lunedì 26 aprile il Mercato telematico dei covered warrant (MCW) cambierà nome in SeDeX (Mercato telematico dei securitised derivatives).

La nuova denominazione del mercato intende meglio rappresentare la vasta gamma di prodotti securitised derivatives quotati, che comprende sia i covered warrant sia i certificates.

Una nuova segmentazione, entrata in vigore lo scorso 19 aprile, ripartisce i securitised derivatives in classi omogenee per tipologia di prodotto e finalità d'investimento e ha l'obiettivo di agevolare una migliore individuazione dei nuovi strumenti finanziari quotati negli ultimi mesi e di incrementare la trasparenza e la fruibilità delle informazioni per l'investitore finale che potrà decidere, con maggiore facilità, dove indirizzare le proprie scelte d'investimento.

Questi i segmenti previsti dalla nuova segmentazione:

a) COVERED WARRANT PLAIN VANILLA
-   Comprende covered warrant che consistono in un'opzione call o put

b) COVERED WARRANT STRUTTURATI/ESOTICI
-   È composto da covered warrant la cui componente principale è una combinazione di opzioni

c) LEVERAGE CERTIFICATES
-   Comprende certificates che replicano l'andamento dell'attività sottostante permettendo di partecipare, con effetto leva, alla performance dello stesso

d) INVESTMENT CERTIFICATES
-   Include certificates che replicano l'andamento dell'attività sottostante non incorporando alcun effetto leva e
-   certificates che replicano l'andamento dell'attività sottostante incorporando una o più opzioni con carattere accessorio.

I securitised derivatives si adattano ai differenti profili di rischio degli investitori e alla crescente esigenza di ampliare la differenziazione di portafoglio con differenti criteri di rischio-rendimento anche in caso di portafogli di minore dimensione, rendendo possibile la realizzazione di svariate strategie di investimento.

 

Milano, 23 aprile 2004


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.