Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2003

 

030930_dichiarazione MC


Dichiarazione di Massimo Capuano,

Amministratore Delegato di Borsa Italiana

 

"Borsa Italiana apprezza i provvedimenti approvati ieri dal Consiglio dei Ministri che centrano il duplice obiettivo di sviluppare l'offerta e la domanda di azioni quotate, incidendo con misure semplici ed efficaci sia sul lato delle imprese che si apprestano alla quotazione sia su quello dei fondi che investono in piccole e medie imprese.

Gli incentivi decisi dal Ministero dell'Economia rappresenteranno un forte stimolo per le società che vorranno finanziare la loro crescita con capitale di rischio - 1200, secondo le analisi di Borsa Italiana, sono già oggi potenzialmente in grado di accedere al listino - e un fondamentale acceleratore per l'ampliamento del mercato azionario italiano, in grado di renderlo a livello internazionale effettivamente rappresentativo della realtà economica del nostro Paese.

L'ampio bacino di piccole e medie imprese, asse portante del tessuto industriale italiano, potrà così trovare nella leva fiscale un'ulteriore ragione per la quotazione, che si affianca al finanziamento della crescita e dei progetti di sviluppo, al riequilibrio della struttura finanziaria e ai cambiamenti organizzativi necessari per fronteggiare la concorrenza su scala internazionale.

Nel contempo lo sviluppo di nuovi fondi specializzati nelle mid e small caps consentirà un ampliamento delle opportunità per gli investitori e la valorizzazione di questa importante asset class.

Ci sono quindi tutte le premesse perché si attivi un circolo virtuoso affinché le imprese, gli intermediari e gli investitori possano cogliere un'importante opportunità per il loro sviluppo".

 

Milano, 30 settembre 2003


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.