Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2002

 

021216 assembela BIt


COMUNICATO STAMPA

L'Assemblea degli Azionisti di Borsa Italiana Spa

approva modifiche al Regolamento dei mercati

L'Assemblea degli Azionisti di Borsa Italiana Spa, riunitasi oggi, ha approvato alcune modifiche al Regolamento dei mercati che verranno ora sottoposte all'approvazione della Consob.

Le principali modifiche riguardano:

A) Regolamento del Nuovo Mercato

  1. Modifiche dei requisiti di listing:

  • innalzamento del flottante dal 20 al 30%;
  • innalzamento del patrimonio netto, anche consolidato, da 1,5 a 3 milioni di euro;
  • per le società che svolgono la propria attività da meno di 3 anni, viene richiesta la presenza di investitori istituzionali o di altri partner nel capitale delle società.

La partecipazione deve essere pari almeno al 10% del capitale e deve essere acquisita almeno 12 mesi prima della presentazione della domanda di ammissione (6 mesi per le società start up). Anche a questi azionisti viene applicata la disciplina relativa al lock up. Viene inoltre prevista la possibilità di deroga al requisito della presenza di questi soggetti in caso di società derivanti da operazioni straordinarie o ammesse alle negoziazioni in un altro mercato regolamentato.

  1. Introduzione di requisiti di corporate governance

Viene estesa alle società del Nuovo Mercato - già quotate e quotande - l'adozione di alcuni principi di Corporate Governance contenuti nel Codice di Autodisciplina delle società quotate.

Vengono richiesti, quali requisiti di ammissione a quotazione, la presenza di:

  • un consiglio di amministrazione composto da un numero adeguato di amministratori non esecutivi e indipendenti; per le società di nuova ammissione, la presenza - per almeno tre anni - di un amministratore indipendente che abbia una comprovata esperienza in materie attinenti all'attività dell'emittente;
  • un comitato per il controllo interno composto da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti;
  • un comitato per la remunerazione.

Per le società già quotate l'adeguamento alla nuova disciplina dovrà avvenire entro e non oltre l'assemblea di approvazione del bilancio che si terrà nel corso del 2004.

 

B) Modifiche al Regolamento dei Mercati

  1. Requisiti di ammissione

Per migliorare il regolare funzionamento del mercato viene aumentato il requisito della capitalizzazione minima che passa da 5 a 20 milioni di Euro.

  • Obblighi informativi degli emittenti

Viene introdotto l'obbligo di diffusione dei comunicati in inglese per gli emittenti le cui azioni fanno parte dell'indice MIB30 in seguito alla progressiva internazionalizzazione del mercato e al crescente interesse da parte di investitori esteri.

  • Obblighi di spread per covered warrant e certificates

Il Regolamento in vigore prevede che l'emittente i covered warrant o i certificates esponga in via continuativa - su tutte le serie quotate - prezzi denaro e prezzi lettera per i quantitativi minimi fissati nel provvedimento di ammissione a quotazione.

Al fine di migliorare l'attività svolta dall'emittente (o dal soggetto incaricato da quest'ultimo) a supporto della liquidità dei covered warrant e dei certificates negoziati sul mercato, si prevede che Borsa Italiana possa stabilire uno spread massimo delle proposte immesse in adempimento degli obblighi di quotazione.

  • Modifica delle modalità di calcolo del prezzo ufficiale nel mercato MOT

Il Regolamento attuale prevede che il prezzo ufficiale nel mercato MOT sia dato dal prezzo di apertura. A seguito delle modifiche apportate alle Istruzioni nel corso del 2002, con cui è stata ridotta la durata delle fasi di asta a favore della fase di negoziazione continua, viene sostituito il prezzo di apertura con la media, ponderata per le relative quantità, dei prezzi dei contratti conclusi durante l'intera seduta.

  • Sponsor

Viene eliminato l'attuale obbligo di nominare lo sponsor nel caso di domanda di quotazione di obbligazioni, covered warrant, certificates e OICR (Organismi Investimento Collettivo del Risparmio) aperti indicizzati.

  • Segmento STAR

A seguito delle recenti modifiche apportate al Codice di Autodisciplina per le società quotate viene modificata l'attuale disciplina regolamentare del segmento STAR che si allinea a quanto di nuovo previsto in tema di composizione e funzionamento del comitato di controllo interno.

Vengono quindi recepiti i nuovi criteri di composizione del comitato (maggioranza composta da amministratori indipendenti) e viene eliminata la possibilità di attribuire al Consiglio di Amministrazione le competenze in materia.

Per la valutazione dell'indipendenza, l'attuale disciplina viene integrata prevedendo che Borsa Italiana avrà riguardo dei rapporti - diretti e indiretti - intercorrenti tra l'amministratore e la società interessata.

Nel Regolamento sono state esplicitate le funzioni del comitato di controllo interno.

La disciplina sarà direttamente applicabile alle nuove società che chiedano l'ingresso in STAR mentre viene introdotto un periodo di adeguamento per le società già presenti (applicazione, al più tardi, in occasione dell'assemblea di approvazione del bilancio di esercizio che si svolgerà nel corso dell'anno 2004).

 

Ingresso in STAR delle società quotate

Il Regolamento attuale prevede che le società quotate, qualora non abbiano optato per il segmento STAR in fase di IPO, possano accedere al segmento STAR solo dopo un anno dalla loro quotazione.

Viene invece prevista la possibilità per le società quotate da meno di 1 anno di accedere al segmento STAR qualora le stesse soddisfino tutti i requisiti di ammissione al segmento.

 

C) Chiusura del Mercato Italiano dei Futures su Titoli di Stato

Borsa Italiana ha stabilito la chiusura del Mercato MIF "Mercato dei contratti uniformi a termine dei titoli di stato", con effetto dal 31 dicembre 2002, considerata l'assenza prolungata delle negoziazioni sui contratti ammessi su questo mercato.

 

Milano, 16 dicembre 2002

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.