Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2001

 

Star - 2 Luglio


COMUNICATO STAMPA

STAR, il prossimo 2 luglio il passaggio di nuove società

Borsa Italiana comunica che il prossimo trasferimento al segmento STAR delle società comprese nel segmento di Borsa ordinario, che richiedano la qualifica di STAR e che rispettino le condizioni previste dal Regolamento, è previsto per il 2 Luglio 2001.

STAR, il nuovo segmento del mercato di Borsa dedicato alle società con alti requisiti, è stato avviato il 2 aprile scorso con 20 società: Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Brembo, Centrale del Latte di Torino, CSP International, Ducati Motor Holding, Erg, Ferretti, Interpump Group, Irce, La Doria, Manuli Rubber Industries, Mariella Burani Fashion Group, Mirato, Navigazione Montanari, Recordati, Reno De Medici, Sabaf, Saes Getters, Targetti Sankey, Terme Demaniali di Acqui.

I dati relativi al primo mese di attività del segmento STAR segnalano, in presenza di scambi sostanzialmente stabili sul mercato di Borsa, una crescita nella media giornaliera degli scambi sia per controvalore (+14% rispetto alla media del primo trimestre), sia per numero di contratti (+13%).

La media giornaliera degli scambi è stata pari a 9,2 milioni di euro, mentre la capitalizzazione delle società quotate è risultata a fine aprile pari a 5.103 milioni di euro (+ 1,7% rispetto alla fine di marzo).

L'analisi dei singoli segmenti conferma come la liquidità delle azioni STAR sia cresciuta più di quella delle società del segmento ordinario; quest'ultimo ha infatti visto crescere i contratti del solo 2% e diminuire il controvalore del 10% rispetto al periodo gennaio-marzo.

L'osservazione della volatilità dei titoli evidenzia inoltre come l'avvio del segmento sia coinciso con una riduzione della volatilità media delle azioni STAR dal 29,0% (primo trimestre) al 19,4% (aprile), che risulta più marcata di quella riferita all'indice generale del mercato (scesa leggermente dal 17,2% al 16,6%) e ai titoli del segmento ordinario (passata dal 31,4% al 25,7%).

Milano, 16 maggio 2001


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.