Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2001

 

0111282roadshow


Comunicato Stampa

2° ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO

 

IL NUOVO MERCATO DI BORSA ITALIANA SPA

INCONTRA LA COMUNITA' FINANZIARIA

A due anni e mezzo dal suo avvio, il Nuovo Mercato di Borsa Italiana conferma di essere uno strumento importante per favorire la crescita e la competitività delle imprese italiane nei settori tecnologici e innovativi.

Il secondo Road Show del Nuovo Mercato offre l'opportunità di un incontro tra le società quotate e la comunità finanziaria per fare il punto sui risultati raggiunti e sulle prospettive future.

Grazie al Nuovo Mercato le società quotate hanno raccolto oltre 4 miliardi di euro di capitale di rischio per finanziare la crescita e cogliere una serie di opportunità nei rispettivi settori. Alcuni dati del dinamismo di queste imprese: l'80% delle società conferma un fatturato in crescita nel primo semestre 2001, con il 35% delle società in crescita per una percentuale superiore al 50%. Oltre metà delle società sono in utile e presentano una posizione finanziaria positiva. In due anni le società del Nuovo Mercato hanno effettuato 139 acquisizioni e contano oltre 20.000 occupati.

Massimo Capuano, Amministratore Delegato di Borsa Spa

, ribadisce il ruolo fondamentale del Nuovo Mercato per agevolare lo sviluppo dei settori industriali legati alle nuove tecnologie, sottolineando, d'altro canto, come "nel medio termine sarà anche la loro crescita a rappresentare il drive per il consolidamento del Nuovo Mercato".

A livello europeo il Nuovo Mercato di Borsa Italiana rappresenta il secondo mercato dedicato alle imprese ad alta crescita per capitalizzazione e scambi.

Come tutti i mercati high-tech e high-growth, il Nuovo Mercato ha sofferto di un andamento negativo nell'ultimo anno. Ciò in conseguenza sia delle mutate aspettative degli investitori sull'andamento dei settori rilevanti sia della revisione nei parametri valutativi che li caratterizzavano.

In questo contesto generale, il mercato ha registrato da inizio anno ad oggi una correzione dell'indice di -42% (che si confronta con -54,2% del Neuer Markt, -60,8% del Nouveau Marché e del -21,4% del Nasdaq).

L'instabilità emersa nel corso dell'anno nei settori di riferimento si è tradotta in una volatilità media del mercato pari al 44%, in linea con la media dei corrispondenti mercati europei e di tutti gli indici azionari maggiormente rappresentativi dei comparti high-tech, anche dei listini principali.

Occorre ricordare che la volatilità è strettamente correlata al maggior grado di rischio degli strumenti negoziati ed alle caratteristiche strutturali dei settori rappresentati sul mercato.

Per quanto riguarda la liquidità, il Nuovo Mercato presenta, da inizio anno, livelli di scambi medi giornalieri pari a 74 milioni di euro. In media il controvalore giornaliero scambiato è due volte quello delle società di pari capitalizzazione quotate in Borsa e il turnover velocity è superiore di 40 punti percentuali.

Al fine di rafforzare il ruolo del Nuovo Mercato nel rispondere alle esigenze delle imprese, degli intermediari e degli investitori, Borsa Italiana ha recentemente avviato un gruppo di lavoro per riflettere sulle tematiche legate a funzioni e attività di sponsor e specialisti, su corporate governance e modalità di negoziazione.

Milano, 28 novembre 2001


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.