Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2001

 

010615NM2ANNI


COMUNICATO STAMPA

 

COMPIE DUE ANNI IL NUOVO MERCATO DI BORSA ITALIANA SpA

 

Il 17 giugno 1999 la quotazione della prima società sul mercato creato da Borsa Italiana per le imprese innovative ad alta crescita

In due anni il Nuovo Mercato è diventato secondo

sia per capitalizzazione che per scambi medi giornalieri

tra i Nuovi Mercati europei

Ha permesso alle società quotate di raccogliere sul mercato 4,5 miliardi di euro per finanziare i loro progetti di sviluppo

 

 

Con la quotazione del titolo Opengate, il 17 giugno 1999 nasceva il Nuovo Mercato di Borsa Italiana.

A due anni dall'avvio, il Nuovo Mercato presenta oggi 43 società quotate, una capitalizzazione complessiva di 20 miliardi di euro e un controvalore medio giornaliero degli scambi di 84 milioni di euro (gennaio-giugno 2001).

Nei primi due anni le società del Nuovo Mercato hanno raccolto complessivamente 5,1 miliardi di euro, di cui il 92% tramite emissione di nuove azioni: 4,5 miliardi di euro sono stati quindi indirizzati al finanziamento dei loro investimenti per lo sviluppo.

Il Nuovo Mercato si è confermato in maggio secondo sia per dimensione che per scambi medi giornalieri tra i Nuovi Mercati europei, dopo il Neuer Markt, e risulta il meno volatile (17,8%) contro una media dei restanti mercati (30%).

Le società quotate hanno presentato un tasso mediano di crescita del fatturato del 39% e il 54% di queste mostra un risultato in attivo.

Oltre il 30% delle società ha più che raddoppiato il fatturato a fine 2000.

Lo sviluppo delle aziende del Nuovo Mercato ha dato luogo alla creazione di oltre 5000 nuovi posti di lavoro, con un tasso mediano di crescita annuo del 45%.

E' cresciuta la diversificazione a livello settoriale che vede oggi rappresentati media, web services, internet, IT distribution, entertainement, biotecnologie, ISP, telecom infrastructures e high tech manufactoring.

Il Nuovo Mercato si è dimostrato sin dall'inizio uno strumento fondamentale per il finanziamento delle aziende italiane innovative e ad alto tasso di crescita e per lo sviluppo del venture capital, costituendo un canale efficiente per il disinvestimento delle attività in portafoglio.

Ha inoltre offerto agli investitori interessati a diversificare su titoli ad elevato profilo di rischio-rendimento, un mercato caratterizzato da qualità, trasparenza e liquidità, cui si può accedere anche con investimenti contenuti e ove è possibile negoziare anche una sola azione.

Dall'inizio è stata costante la partecipazione del retail e di investitori di elevato profilo e specializzazione: il 70% circa di ogni nuova offerta viene infatti collocata presso investitori istituzionali, internazionali e domestici.

L'interesse di intermediari, società di consulenza e di revisione, studi legali e professionisti della comunicazione riuniti nel network "Partners del Nuovo Mercato" che ad oggi conta 84 Partners, ha consentito di realizzare una costante attività di promozione e di far conoscere il Nuovo Mercato e le sue aziende sia in Italia che all'estero.

 

I numeri del Nuovo Mercato:

  • capitalizzazione complessiva di 19,9 miliardi di Euro al 31 maggio 2001
  • scambi medi giornalieri dalla nascita pari a 83.4 milioni di Euro, con punte che hanno raggiunto i 1.127,7 milioni di euro (30.3.2000) e fino al 25,0% (30.3.2000) dei volumi giornalieri scambiati sul sistema telematico;
  • 25,9% del totale dei contratti negoziati giornalmente sul mercato After Hours di BIt
  • performance dell'indice Numex dal lancio (17.6.1999): +248,9%;

  • il 92% delle offerte (inclusi gli aumenti di capitale successivi al collocamento iniziale) è costituito da azioni di nuova emissione
  • flottante medio collocato superiore al 27% (a fronte di un minimo da regolamento del 20%)

 

Milano, 15 giugno 2001


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.