Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2000

 

000323monte


 

Borsa Italiana, e-Mid, Monte Titoli, MTS

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

AGGREGAZIONE MONTE TITOLI E CASSA DI COMPENSAZIONE E GARANZIA:

FIRMATO PROTOCOLLO DI INTESA TRA BORSA ITALIANA, MTS, E - MID E MONTETITOLI

Il processo di aggregazione sarà completato entro il 30 settembre 2000

Ampia la partecipazione al capitale di tutti i rappresentanti del mercato italiano: società mercato, intermediari ed emittenti.

 Milano, 23 marzo 2000 - Prende avvio il processo di aggregazione fra Monte Titoli e Cassa di Compensazione e Garanzia: Borsa Italiana, MTS, e-Mid e Monte Titoli, d'accordo con gli intermediari rappresentati dall'Associazione Bancaria Italiana e con la Cassa di Compensazione e Garanzia hanno sottoscritto un "Protocollo di Intesa", per giungere all'aggregazione fra Monte Titoli e Cassa di Compensazione e Garanzia.

La partecipazione azionaria al capitale della società sarà rappresentativa di tutti gli attori del mercato italiano, in modo da favorire il massimo sviluppo della società.

In particolare si auspica che, attraverso le necessarie operazioni azionarie, Borsa Italiana e MTS ne posseggano il 24% ciascuna; e - MID S.p.A. il 2%; gli intermediari il 48% e la Emittenti Titoli S.p.A. il 2%.

Il progetto di aggregazione

verrà concluso entro il 30 settembre 2000.

Le società mercato, potendo mettere così in sintonia l'attività della nuova società, saranno in grado di fornire un servizio integrato - dal trading al post trading, clearing e settlement - a tutti coloro che operano sui mercati italiani.

Sarà così possibile - coerentemente con gli obiettivi

che portano all'aggregazione tra Monte Titoli e Cassa di Compensazione - rafforzare il ruolo della piazza finanziaria italiana nel contesto europeo, accrescendone la possibilità di competere a livello internazionale.

segue

Il Protocollo di Intesa prevede che il progetto sia articolato in diverse fasi che riguardano:

  • l'approvazione di un piano industriale che costituirà il documento guida per l'aggregazione

  • lo sviluppo di un sistema di controparte centrale per i mercati non derivati

  • l'affidamento alla Monte Titoli della gestione accentrata dei titoli di Stato (CAT)

  • l'avvio della dismissione della partecipazione posseduta dalla Banca d'Italia nella Monte Titoli.

Il Protocollo di Intesa formalizza il cammino per dare attuazione alla volontà emersa nella riunione tenutasi il 30 novembre 1999 al Ministero del Tesoro.

Dichiarazioni dei presidenti:

  • Prof. Stefano Preda (Presidente Borsa Italiana S.p.A.):

"Il consolidamento della filiera produttiva dei mercati è un obbiettivo strategico che la Borsa Italiana SpA si è data fin dall'inizio della propria attività.

Clearing e settlement sono coordinati naturalmente e vengono originati dall'attività di trading, con cui devono essere in sintonia sul piano economico e operativo.

Questo per la Borsa è un passo avanti anche per poter gestire il proprio sviluppo internazionale, con il controllo di tutte le leve necessarie."

  • Prof. Francesco Cesarini (Presidente e-Mid):

"Ritengo l'accordo di grande interesse per lo sviluppo dei mercati italiani nel contesto della competizione internazionale. Per quanto riguarda e-Mid ci ripromettiamo di collaborare con le nuove aggregazioni per sviluppare prodotti complementari ai depositi interbancari."

  • Dott. Enrico Cervone (Presidente Monte Titoli):

" Il mercato italiano ha dimensioni importanti e presenta una efficiente organizzazione di front-office.

La frammentazione dell'offerta dei servizi di custodia e di regolamento non rende fluido come vorremmo l'accesso da parte degli intermediari, nazionali ed internazionali.

Con la firma del "Protocollo d'Intesa" si intende avviare rapidamente il consolidamento del sistema italiano di settlement per renderlo efficiente e in grado di fronteggiare la competizione imposta dal mercato unico."

  • Prof. Giorgio Basevi (presidente MTS S.p.A.):

"Nel rapido processo di razionalizzazione dei mercati finanziari europei e delle società che li gestiscono, il sistema finanziario italiano ha già assunto posizioni di massimo rilievo. Con la nuova Montetitoli esso potrà determinare gli sviluppi della competizione europea anche per la gestione dei servizi post-trading, nei quali i rapporti di allenze e concorrenza stanno attraversando una fase critica di evoluzione. Per questo, MTS è determinata a collaborare con la Borsa Italiana e con l'E-MID affinché tale ruolo sia giocato in modo efficiente e decisivo."


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.