Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
1999

 

991208_scambi 8 dic (3388)


COMUNICATO STAMPA 

Oggi, primo giorno festivo per il calendario civile in cui i mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana sono rimasti aperti, si sono registrati sul mercato telematico azionario scambi per 2,1 miliardi di euro. Le proposte di negoziazione sono state pari a 489.535 e i contratti conclusi a 91.763.

Il volume degli scambi azionari è superiore del 10% al dato medio annuale (1,9 miliardi). Nella graduatoria annuale, il dato odierno si posizione al 63° posto su 239 sedute.

Sull'Idem sono stati conclusi circa 42.000 contratti standard: 16.000 circa sul futures sull'indice Mib30 (Fib30), 16.000 sull'opzione sull'indice Mib30 e 10.000 sulle stock options.

Gli scambi dell'Idem sono in linea con il dato medio di novembre (46.000 contratti standard) e superiori al dato medio annuale (35.000 contratti standard).

Più del 90% degli intermediari ammessi alle negoziazioni si sono collegati ai mercati.

La scelta operata a fine 1998 di mantenere aperti i mercati in alcune date festive per il calendario civile, nasceva dalla constatazione della crescente interrelazione tra le diverse piazze finanziarie e dalla necessità di massimizzare l'offerta dei servizi di negoziazione agli investitori professionali ed esteri (negli ultimi 3 anni, il 35% circa degli scambi sul mercato italiano sono di provenienza estera). Con l'adozione dell'euro, numerose Borse europee hanno deciso di ridurre il numero delle proprie giornate di chiusura, mantenendo i propri mercati aperti nelle giornate che non vedevano la presenza di festività condivise da più Paesi.

Il calendario di Borsa Italiana per l'anno 2000 prevede l'operatività dei mercati borsistici il 6 gennaio, il 25 aprile, il 1° novembre e l'8 dicembre. Rispetto al calendario tradizionale che caratterizzava l'operatività fino al 1998, restano confermate le chiusure del 1° gennaio, del lunedì dell'Angelo (24 aprile nel 2000), del 1° maggio, del 15 agosto, del 24 dicembre (domenica nel 2000), del 25 dicembre e del 26 dicembre, mentre sono state aggiunte le chiusure del venerdì Santo (21 aprile nel 2000) e del 31 dicembre (domenica nel 2000).

Milano, 8 dicembre 1999


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.