Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
1998

 

980831nuova struttura


COMUNICATO STAMPA

 

BORSA ITALIANA SpA: LA NUOVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA

Varata dall'Amministratore Delegato, Massimo Capuano, sarà operativa dal 1 settembre 1998

Una professional company con un'organizzazione dinamica, una struttura efficiente e moderna, al servizio del cliente ed in grado di definire e guidare i processi di sviluppo dei mercati

Milano, 31 agosto 1998 - Borsa Italiana SpA, la società privata per la gestione dei mercati ha una nuova struttura organizzativa che sarà operativa dal 1 settembre 1998.

La nuova struttura è stata messa a punto dall'Amministratore Delegato, Massimo Capuano, in relazione alla missione aziendale della società, finalizzata "ad assicurare lo sviluppo dei mercati" massimizzando le possibilità per i vari attori di negoziare alle migliori condizioni di liquidità, trasparenza e competitività, perseguendo in ogni caso la massima efficienza gestionale e la remunerazione del capitale e verso la quale, come ha sottolineato Capuano "convergono i progetti ai quali la società di gestione del mercato sta lavorando nella consapevolezza delle sfide con cui ci stiamo confrontando".

"La società di gestione del mercato", sorta nell'ambito del processo di privatizzazione del mercato mobiliare italiano, ha sottolineato Capuano, "è oggi un'azienda con compiti nuovi" - quali ad esempio l'ammissione alla quotazione - "e responsabilità di primo livello, che si trova ad operare in uno scenario ad elevatissima competitività - quello dell'exchange industry internazionale - sottoposto ad un processo evolutivo costante e dinamico, i cui principali elementi caratterizzanti sono la globalizzazione dei mercati, l'avvio dell'Euro - con la conseguente caduta delle barriere - e la trasformazione dell'investment industry in una realtà sempre più consapevole del ruolo che svolge nell'ambito del sistema economico nazionale e delle opportunità di crescita legate all'aumento del risparmio gestito".

Massimo Capuano ha quindi indicato i principi e gli obiettivi della nuova organizzazione, strettamente correlati ai target di sviluppo della società.

I principi si identificano nella volontà di:

  • Rafforzare la competitività/collaborazione nei confronti dei mercati internazionali
  • Assicurare massa critica sufficiente ai singoli mercati, in termini di visibilità e peso, armonizzandone i sistemi comuni, in particolare le piattaforme tecnologiche, e catturando eventuali economie di scala tra i diversi mercati
  • Favorire la rapidità di risposta ai mercati
  • Evidenziare la trasparenza per gli investitori e le relazioni con le Autorità di vigilanza dei mercati, continuando a realizzare strutture e sistemi di controllo in sintonia con le loro esigenze
  • Agevolare l'accrescimento delle competenze, responsabilizzando i manger delle strutture sullo sviluppo dei mercati.

Gli obiettivi della riorganizzazione:

  • Creazione di una professional company ancora più vicina e visibile al mercato, che cresca nella cultura del servizio ai clienti della Borsa, quindi emittenti, intermediari, investitori e risparmiatori
  • Realizzazione di una organizzazione dinamica in grado di interpretare le esigenze del mercato e di elaborare e guidare i processi di sviluppo dell'efficienza e della liquidità del mercato
  • Costruzione di una struttura efficiente, con responsabilità identificate, nella quale i processi di management, di produzione, operativi e di sviluppo del business siano orientati al risultato e rispondano a criteri di flessibilità.

La nuova struttura riporta tutta direttamente all'Amministratore Delegato.

E' articolata in unità organizzative - per mercati e/o processi (di business e di funzionamento) - e in funzioni di staff a supporto dell'intera organizzazione.

La struttura (in allegato lo schema) prevede quindi:

  • 6 divisioni di mercato: Marketing, Mercati Cash, Mercati Derivati, New Business, Information Technology & Operations, Vigilanza Mercati
  • 4 direzioni: Affari Legali e Regolamentazione, Amministrazione & Finanza, Comunicazione, Personale & Organizzazione
  • 2 funzioni di staff; Relazioni Stampa, Ricerca & Analisi


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.