Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
1998

 

980512 acquisizione mif


COMUNICATO STAMPA

IL MIF ACQUISITO DA BORSA ITALIANA SPA

"Un passo importante", secondo Massimo Capuano, Amministratore Delegato della società di gestione del mercato, "anche in vista della definizione delle prossime alleanze internazionali nei derivati".

Milano, 12 maggio 1998 -

La Borsa Italiana S.p.A. ha concluso l'acquisizione del MIF, il mercato italiano dei prodotti derivati sui titoli di Stato, che verrà integrato nel mercato dei derivati sull'azionario, che oggi è il secondo mercato europeo per volumi negoziati.

Si tratta della prima acquisizione della società di gestione del mercato dopo l'avvio dell'operatività , il 2 gennaio 1998, e si colloca nell'ambito dei progetti per la razionalizzazione dell'architettura dei mercati destinati a creare maggiore efficienza e competitività nel sistema della Borsa Italiana.

Secondo l'Amministratore Delegato della Borsa S.p.A., Massimo Capuano, "la nostra decisione si colloca nell'ambito delle politiche delle alleanze - di mercato e di prodotto - che stiamo sviluppando a livello internazionale".

"E' importante infatti notare", ha sottolineato Capuano, "che il comparto dei derivati sui tassi d'interesse rappresenta la base di partenza per le alleanze che si stanno definendo in Europa in questo momento: l'acquisizione del MIF va considerata quindi in un'ottica di rilancio perché questo mercato rappresenta uno strumento necessario per evitare il rischio di esclusione dallo scenario competitivo europeo.

Il MIF serve inoltre ad unificare il mercato italiano dei derivati, evitando così la frammentazione in un comparto fortemente esposto alle dinamiche competitive.

La Borsa Italiana acquista quindi maggiore forza e credibilità in una fase cruciale per la definizione delle nostre sinergie con i diversi partners internazionali".

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.